Previsioni

Meteo, fiocchi di neve prossimi al piano nel Lazio tra la notte e il primo mattino

Le neve nelle prime ore del mattino di domani interesserà anche il Lazio, con la possibilità di qualche fiocco di neve bagnato anche nei pressi della città di Roma

POSSIBILITA’ DI NEVE NELLE PRIME ORE DEL MATTINO A QUOTE MOLTO BASSE NEL LAZIO 

L’ondata di freddo che in queste ore sta regalando ancora forti venti nordorientali sulla nostra Penisola, e qualche altra precipitazione a carattere nevoso in Appennino sembrerebbe non volersi esaurire e provare a regalare ancora qualche emozione prima di lasciare definitivamente spazio all’alta pressione.

Tra la notte e la prima mattinata di domani una goccia di aria molto fredda, in quota, attraverserà molte regioni della nostra Penisola, partendo in queste ore dall’Ungheria e la Croazia dove sono in atto delle nevicate.

Nocciolo molto freddo in quota e neve fino a quote prossime al piano sul Lazio centro settentrionale

Come è possibile apprezzare dalla mappa del modello matematico GFS, nelle prime ore del mattino di domani una massa di aria molto fredda riuscirà a scavallare l’Appennino andandosi a posizionare difronte le coste del Tirreno centrale.

Tale bassa pressione andrà a richiamare a se correnti di aria molto fredde, che potrebbero dare luogo a qualche fenomeno di natura convettivo.

Dei geopotenziali molto bassi accompagnati ad una temperatura molto bassa a 850 hpa, -4/-5 diffusa sul Centro Italia sembrerebbero parametri ottimi per consentire eventualmente al cristallo nevoso di superare alcuni strati dell’atmosfera indenne.

Temperature previste alla quota isobarica di 925 hpa.

Nella mappa elaborata dal centro di calcolo Europeo su base LAMMA è possibile vedere le temperature previste intorno ai 1100 metri per la mattinata di domani, che fino alle primissime ore del giorno saranno negative anche a questa quota.

Bisognerà vedere se l’arrivo delle precipitazioni combacerà effettivamente con il momento più freddo del peggioramento, necessario per avere dei fenomeni nevosi fino a quote quasi pianeggianti.

La bassa pressione però si allontanerà molto velocemente in mare aperto, causando un sensibile e veloce nuovo aumento delle temperature sia in quota che al suolo e che talvolta non consentiranno di avere condizioni fisiche e dinamiche per fenomeni nevosi rilevanti alle quote di pianura nel Lazio.

Non è escluso che sempre in queste fasce orarie possa invece verificarsi qualche fiocco o fenomeno nevoso fino alle porte della città di Roma, o localmente che qualche fenomeno possa depositarsi in modo bagnato o sotto forma di groupel al suolo sia in città che sulle coste del medio e alto Lazio.

Possibili fenomeni nevosi deboli o al più moderati sul Lazio meridionale, con una quota neve stimata dai 400/600 metri.

Si tratterà in ogni caso di poche ore di instabilità meteorologica, perchè il nucleo freddo in poche ore lo ritroveremo prima sulla Sardegna e poi sulla Tunisia e sulla nostra Penisola tornerà a splendere il sole accompagnato dall’alta pressione.

Qualche nevicata nella notte sarà possibile in Appennino tra la Romagna, le Marche e l’Abruzzo con fenomeni nevosi che si porteranno probabilmente in modo locale anche a quote prossime al piano.