Previsioni

16425355_1293435074013120_544253354_nNei prossimi giorni il tempo in Italia sarà influenzato dal flusso di umide e piovose correnti atlantiche che porteranno piogge sparse soprattutto sulle regioni del Centro-Nord e anche, finalmente, un po’ di neve sulle zone alpine, anche se solo a quote medio-alte. In particolar modo, nel corso della giornata di giovedì 2 febbraio, una seconda e più intensa perturbazione atlantica determinerà piogge diffuse al Nord e sulle centrali tirreniche, neve sulle Alpi oltre gli 800 metri di quota, alternanza tra sole e nuvole sul resto d’Italia ma senza piogge. Attesi intensi venti meridionali al Centro-Sud.

Le previsioni che vanno oltre i 5 giorni sono considerate tendenze proprio perchè l’attendibilità di una carta meteo e’ inversamente proporzionale al range temporale di analisi. Più è lungo quest’ultimo, meno attendibile risulta il modello.

Anche se gli ultimi aggiornamenti deterministici, in particolare quelli relativi al modello europeo ECMWF, intravedono una nuova possibile irruzione artica-continentale nel corso della prossima settimana, sarebbe il caso di ‘smorzare’ i cosiddetti facili entusiasmi dei freddofili.

16425332_1293481417341819_1582457813_n
In simili situazioni possono venirci incontro i cosiddetti Spaghi Ensemble. Gli spaghi, come dice la parola stessa, non sono altro che linee grafiche di tendenza ognuna delle quali rappresenta una variabile meteo rispetto all’emissione ufficiale di riferimento. Più gli spaghi sono raggruppati e vicini, maggiormente la tendenza previsionale sarà sicura. Più gli spaghi appaiono disuniti e lontani più la tendenza previsionale sarà incerta.

MS_1442_ens
Ebbene appare piuttosto chiaro che, come è possibile osservare dalle possibili evoluzioni delle isoterme alla quota isobarica di 850 hPa (circa 1500 metri di altezza) relativamente alla città di Pescara, la previsione media di ensemble non poi così scontata. Gli spaghi non sono così vicini e raggruppati: anzi, tra le due ‘corse’ più discordanti c’è, al momento, uno scarto di ben 20°C.

Ciò che al momento riteniamo possibile sull’Italia, in un range temporale compreso tra l’8 e il 12 febbraio, è una fase caratterizzata da un generale calo termico. Nulla di più. Ne riparleremo.

Angelo Ruggieri

Related Posts