Previsioni

Previsioni Appennino lunedì 6 Marzo: nuova perturbazione verso il Centro Nord!

Siamo alle prese con una situazione meteorologica estremamente dinamica; da una parte, sull’Europa centro-occidentale, continuano a sfilare perturbazioni atlantiche più o meno intense che raggiungono anche la nostra Penisola, dall’altra aria fredda in arrivo dalla Russia che scorre al di sotto di un campo di alta pressione instauratosi sulla Scandinavia. Nuovi apporti precipitativi, per quanto riguarda il Mediterraneo, giungeranno anche ad inizio settimana, quando una profonda depressione in discesa dal nord Atlantico andrà ad isolarsi, minacciosamente, sulle nostre regioni meridionali Adriatiche.

APPENNINO SETTENTRIONALE:

Prima parte della giornata caratterizzata da una momentanea tregua al maltempo. La perturbazione giunta nel week end perderà infatti consistenza e si attarderà nel sud dei Balcani, liberando dalle precipitazioni anche l’estremo Sud peninsulare.

Tregua, tuttavia, destinata a durare poco perché dalla Francia è già in agguato una nuova perturbazione pronta ad irrompere sullo scenario meteorologico italico nel nuovo inizio di settimana. Il tempo peggiorerà a partire a partire dal pomeriggio-sera soprattutto sull’Appennino tosco-emiliano e romagnolo poi, via via, anche su quello ligure. Tornerà la neve ma solo a quote alte (siamo tra 1700/1800 metri), con precipitazioni particolarmente consistenti in special modo sui rilievi della Toscana.

Le precipitazioni tenderanno poi a persistere per gran parte della nottata, estendendosi gradualmente anche al versante padano dell’Appennino emiliano, qui con quota neve in drastico calo fin verso i 1100/1200 metri per l’ingresso di aria più fredda.

6 marzo app sett

APPENNINO CENTRALE:

Tregua al maltempo dopo le forti piogge di questa domenica.

Nella prima parte della giornata condizioni di tempo tutto sommato variabile ovunque, con cieli nuvolosi o irregolarmente nuvolosi un pò in tutto il settore.

Il peggioramento, infatti, giungerà solo nel tardo pomeriggio/sera, quando una nuova perturbazione in arrivo dalla Francia causerà il terzo peggioramento del tempo nel giro di neanche una settimana.

Nuove piogge, tra il debole e il moderato, bagneranno Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise, con nuovi apporti nevosi sull’Appennino a quote inizialmente superiori ai 1500/1600 metri. Nel corso della notte limite delle nevicate in calo fin verso i 1300/1400 metri tra i monti laziali e abruzzesi.

6 marzo app centr

APPENNINO MERIDIONALE:

Giornata di lunedì per lo più caratterizzata da condizioni di tempo tutto sommato tranquillo. Non mancheranno gli annuvolamenti per la persistenza di una circolazione umida occidentale ma, nel complesso, non si registranno (almeno inizialmente) precipitazioni degne di nota.

Qualche improvviso scroscio di pioggia, in giornata, andrà ad interessare le zone interne della Campania, ma sarà nella notte che il maltempo entrerà nel vivo, con piogge, rovesci e persino qualche temporale su Campania, Basilicata occidentale e nord della Calabria (qui con nevicate a quote alte).

6 marzo app meri

Previsioni a cura di:

Rinaldo Cilli

Related Posts