Medio-lungo termine Previsioni

Dopo l’irruzione artica degli ultimi giorni la situazione sta gradualmente tornando alla normalità, grazie all’alta pressione. Ciò che resta del flusso freddo ha insistito, ieri, sulle estreme regioni meridionali, apportando in queste zone gli ultimi acquazzoni. Sul resto dell’Italia è tornato il sole e le temperature massime hanno guadagnato diversi gradi in più, avvicinandosi sensibilmente alle medie di questo periodo. Oggi, ma in linea di massima anche all’inizio della prossima settimana, l’anticiclone continuerà a proteggere gran parte della nostra Penisola, deviando le piovose perturbazioni atlantiche verso l’Europa orientale. Sembra, all’apparenza, il leitmotiv dei giorni passati, quando il flusso perturbato scorreva a ben più alte latitudini, mentre sul Mediterraneo persisteva un coriaceo campo anticiclonico; stavolta, però, non andrà proprio così. L’alta pressione si ergerà nuovamente a blocco in pieno oceano Atlantico, permettendo ad una saccatura colma di aria fredda di scivolare verso sud. Invaderà dapprima le Isole Britanniche, poi l’Europa centro-occidentale e in parte il nord della Penisola Iberica, prima di spostarsi gradualmente verso est richiamata da una depressione in formazione sui nostri mari.

nuovo maltempo
La saccatura polare che a metà settimana dovrebbe investire l’Europa centrale e l’Italia. Fonte meteociel.fr

Diciamo fin da subito che l’aria fredda, sull’Italia, farà il suo ingresso solo in maniera parziale, ma quanto basterà per apportare un nuovo, generale abbassamento delle temperature (che per l’occasione si riporteranno di nuovo al di sotto della media). E poi il maltempo che, stando alle ultime emissioni modellistiche, dovrebbe coinvolgere soprattutto il Nord e parte delle regioni centrali, con piogge, rovesci, temporali e nevicate sui rilievi, pur se a quote medio-alte. Siamo tra mercoledì 26 e venerdì 28 Aprile e l’aria fredda si estenderà in parte anche alle estreme regioni meridionali, concentrandosi soprattutto su quelle del basso versante tirrenico. Nel fine settimana il tempo dovrebbe progressivamente migliorare un pò ovunque, con l’instabilità che si concentrerebbe soprattutto sui versanti adriatici. Quello in arrivo nel corso della settimana, quindi, dovrebbe rivelarsi un peggioramento si incisivo, ma comunque estremamente rapido, seppur in seguito potrebbe aprire le porte ad una fase meteorologica molto più instabile. Staremo a vedere.

Related Posts