Previsioni
Tempo in peggioramento sulla nostra Penisola

Meteo Appennino, nuova fase di maltempo in arrivo nelle prossime ore. Torna la neve sulle nostre montagne.

Meteo Appennino, la neve nelle prossime ore tornerà ad imbiancare le nostre montagne

Una nuova fase di maltempo tra poche ore coinvolgerà nuovamente la nostra Penisola a causa di una bassa pressione in movimento verso il Tirreno centrale, che sarà accompagnata da venti anche a tratti moderati e precipitazioni.

Proprio la pioggia tornerà protagonista specie nelle regioni centrali appenniniche e tirreniche, dove dal primo pomeriggio alle prime ore della mattinata di domani il tempo si manterrà instabile e non mancherà occasione per assistere a delle piogge o temporali, veloci, ma probabilmente anche a tratti moderati.

Un mese di aprile che al momento è stato più invernale dei mesi di dicembre e gennaio, condizionati invece da tempo spesso mite e anomalo per il periodo sia sotto il punto di vista delle temperature che da quello delle precipitazioni sempre assenti.

Tempo in peggioramento sulla nostra Penisola
Una nuova fase di maltempo nelle prossime ore arriverà sulla nostra Penisola con il suo carico di piogge e temporali. Tornerà anche la neve in Appennino inizialmente oltre i 1700 metri di quota, poi in calo fin sui 1400

Non si tratterà di un peggioramento a carattere freddo come quello della scorsa settimana, anzi non avrà proprio nulla a che vedere, ma avremo la possibilità in ogni caso di avere delle precipitazioni a carattere nevoso tra Le Marche, l’Abruzzo e il Molise a quote inizialmente superiori ai 1700 metri ma poi in calo tra la notte e la prima mattinata di domani quando i fiocchi si spingeranno fin sotto i 1500 metri.

Da giovedì pomeriggio assisteremo ad un miglioramento delle condizioni del tempo su gran parte delle nostre regioni, tuttavia avremo ancora una volta a che fare con il vento che con ogni probabilità si mostrerà molto molto intenso almeno fino al prossimo fine settimana.

In particolare nella giornata di venerdì e in quella di sabato forti venti provenienti dai quadranti occidentali potrebbero spazzare specie sulle aree del versante tirrenico, con mareggiate anche molto sostenute nei lati esposti.

Anche per il medio lungo termine non si vedono possibilità di fasi di caldo lunghe e prolungate, come il mese di aprile potrebbe proporre, ma al contrario possibilità che nella seconda decade del mese quella che conduce alla Pasqua e alla Pasquetta nuovi impulsi freddi, instabili e perturbati possano raggiungere le nostre regioni riportando anche fasi di freddo fuori periodo.

Come ricordavamo anche negli articoli di ieri la stagione sciistica è giunta al termine domenica tre aprile, sebbene alcune stazioni come quelle della Majelletta e del Centro Turistico Gran Sasso continueranno a rimanere aperte.

In realtà a Campo Imperatore la data puntata per l’ultima sciata è quella del 25 aprile, quando le piste se così dovesse essere la situazione meteo dovrebbero arrivare in condizioni davvero ottimali.

Intanto tra il pomeriggio e la giornata di domani oltre i 1800 metri di quota potranno cadere anche trenta centimetri di neve fresca, specie sulle montagne dei versanti occidentali e sul Gran Sasso D’Italia.

Le condizioni meteo appennino nelle prossime ore sono quindi destinate a peggiorare.

Related Posts