Medio-lungo termine

L’alta pressione ha le ore contate. Nel corso del fine settimana e durante i primi giorni della prossima, difatti, la perturbazione n.5 do novembre determinerá un signicativo cambiamento delle condizioni meteorologiche, dapprima sulle regioni Nord-Occidentali ed in seguito, tra le giornate di domenica 26 e lunedí 27 anche sulle rimanenti regioni Centro-Meridionali, oltre ad un sensibile calo termico.

aneve
La situazione prevista dal Centro di Calcolo Americano GFS alla quota isobarica di 850 hpa per la mattinata di lunedì

L’aria di tipo polare-marittima in arrivo al seguito del passaggio del fronte perturbato, favorirà un calo delle temperature in genere compreso tra i 5/10°C in particolar modo lungo il versante adriatico.

Segnaliami di prestare attenzione a chi annuncia gridando frasi del tipo: “In arrivo gelo e neve”! Aria Polare Marittima non è sinonimo, sia ben chiaro, di ‘ondata di gelo’….almeno alle nostre latitudini: a scanso di equivoci, è bene premettere che il suo ingresso favorirà, dapprima, un richiamo di correnti meridionali (Garbino) in particolare sulle regioni del medio-basso Adriatico mentre nei giorni seguenti alla quota isobarica di 850 hPa (circa 1500 metri) le temperature potrebbero raggiungere (stando all’ultimo aggiornamento probabilistico del modello americano GFS) valori prossimi ai -4°C. Ciò nonostante, affinchè codesta massa d’aria riesca a “rovesciare” al suolo il freddo, particolare importanza rivestiranno le precipitazioni: ove presenti, infatti, gli effetti del calo termico saranno più incisivi favorendo, quindi, fenomeni nevosi fin verso quote relativamente basse proprio tra domenica e lunedì. I modelli fisico-matematici, inoltre, intravedono un cambiamento ben più importante a cavallo della metà della prossima settimana per l’approssimarsi di una nuova perturbazione a carattere freddo attesa sulla nostra Penisola tra mercoledì 29 e giovedì 30 novembre.

Vista la distanza temporale dall’evento, però, è ancora prematuro poter definire i dettagli previsionali; a tale proposito vi invitiamo a seguire gli opportuni e necessari aggiornamenti.

Angelo Ruggieri

Related Posts