Appennino settentrionale, in arrivo nevicate consistenti. Fiocchi fino in pianura al nord

Appennino settentrionale, nelle prossime ore una perturbazione porterà delle nuove precipitazioni nevose sulla dorsale. Questa volta il maltempo risulterà anche piuttosto consistente.

APPENNINO SETTENTRIONALE, CIMONE E ABETONE VERSO L’APERTURA DEGLI IMPIANTI. ARRIVA LA NEVE MODESTA

Appennino Settentrionale, in arrivo nevicata modeste

Appennino Settentrionale, Cimone e Abetone verso l’apertura degli impianti. Nelle prossime ore arriveranno delle nevicate modeste ad imbiancare i rilievi

Una perturbazione atlantica sta per giungere sulla nostra Penisola e riporterà delle piogge e delle nevicate a tratti anche modeste sulle nostre montagne. In particolare a subire gli effetti del maltempo sarà l’Appennino settentrionale dove le nevicate si attesteranno fin sui 1000 metri di quota o localmente anche più in basso.

Al nord Italia si attende la neve, con le precipitazioni nevose che faranno la loro presenza anche sull’Emilia Romagna, specialmente le aree occidentali, dove il cuscinetto di aria fredda presente potrebbe consentire lo sviluppo di nevicate fino a quote di pianura.

Spostandoci pian piano verso est nella regione la quota neve è destinata a salire, tanto da portarsi mediamente in Appennino fin sui 1000 metri di quota.

ABETONE, CIMONE E CORNO ALLE SCALE VERSO L’APERTURA DEGLI IMPIANTI

Le stazioni sciistiche invernali di Cimone Sci, Abetone E Corno alle Scale nelle prossime ore accumuleranno altri centimetri di neve fresca, che verosimilmente consentiranno un ulteriore sviluppo del manto nevoso presente al suolo. Inoltre è da considerare che le bassissime temperature delle ultime ore, stanno consentendo agli impianti di innevamento artificiale di lavorare senza alcun problema.

La neve arriverà nella giornata di martedì anche sull’Appennino centrale e in particolare sulla dorsale laziale e abruzzese dove sono attese delle precipitazioni modeste.

Come accade in queste circostanze, le aree maggiormente interessate dal maltempo saranno quelle dei versanti occidentali. La quota neve non sarà elevata come nelle volte scorse, bensì si attesterà attorno ai 1200/1300 metri di quota.

Attese accumuli modesti specie sul Gran Sasso, Terminillo, e tutta la catena del Parco Regionale del Sirente Velino.

Neve attesa anche in Molise specialmente dal pomeriggio di martedì, con Capracotta che tornerà a vestirsi di bianco e ad entusiasmare tutti gli appassionati di freddo e della neve.

Nevicate che si estenderanno a loro volta anche sull’Appennino Campano, con la quota neve che pure qui si stabilizzerà sui 1300 metri di quota.

IMMACOLATA CON MALTEMPO E NEVE IN MONTAGNA

Le condizioni di maltempo non sembrerebbero terminare qui, tanto che dopo una breve pausa nella giornata di giovedì una perturbazione piuttosto modesta potrebbe raggiungere la nostra Penisola tra venerdì e sabato.

La modellistica numerica intravede l’approfondirsi di una bassa pressione sui nostri mari, capace di essere accompagnata da venti forti, abbondanti precipitazioni piovose e nevose in montagna.

La quota neve in questo caso sarà da valutare e molto dipenderà dall’eventuale posizionamento della bassa pressione, che rimanendo più larga sulle coste tirreniche richiamerà a se meno richiamo di aria mite. Al contrario risultando profonda e vicina alle coste, le temperature saranno un pochettino più elevate e le precipitazioni più consistenti sulla nostra dorsale.

Una situazione certamente da valutare nelle prossime ore, sebbene intanto bisognerà passare per la neve sulle pianure del nord Italia ed una modesta imbiancata sull’ Appennino settentrionale che già da domani si vedrà proiettato verso l’apertura degli impianti di sci.

 

Comments (No)

Leave a Reply