Appennino: neve in arrivo, attesi buoni accumuli in quota

Neve in arrivo sull’Appennino, buoni accumuli attesi in quota

Neve in arrivo nel corso delle prossime ore su gran parte della dorsale appenninica centro-meridionale, in seguito al passaggio di un fronte d’aria fredda che stamane sta portando piogge, rovesci e persino qualche temporale sull’alto versante Adriatico. Mentre al Sud sta transitando la perturbazione responsabile del maltempo al Centro Nord, durante la notte, l’Appennino si prepara a ricevere una buona quantità di neve nel corso del pomeriggio di oggi, con persistenza delle precipitazioni (seppur in indebolimento progressivo) fino alla mattinata di domani.

Il peggioramento si materializzerà gradualmente nel corso della giornata di oggi, quando il fronte d’aria fredda ora sull’alto Adriatico scivolerà verso sud/sud-est, richiamato da una depressione che intanto, poco alla volta, si formerà sui nostri mari meridionali. Mentre al Sud pioverà per la perturbazione che dal basso Tirreno sta risalendo verso nord-est, sul medio versante Adriatico agirà il nucleo d’aria fredda in discesa da nord, con frequenti rovesci, qualche temporale e un pò di neve lungo la dorsale appenninica. Le precipitazioni, che al pomeriggio si faranno sempre più frequenti e si estenderanno anche alla bassa Toscana e al Lazio, risulteranno più intense e concentrate soprattutto nei settori interni, ragion per cui le nevicate associate potrebbero in talune zone risultare anche piuttosto intense, nonché persistenti.

neve

Le ultime elaborazioni dei modelli non lasciano adito a dubbi; sull’Appennino abruzzese si concentreranno le precipitazioni nevose più corpose, tant’è che in alcune località d’alta quota si potrebbero addirittura toccare punte fino a 20-25 cm. Nevicherà anche sul resto dell’Appennino centrale, ma con accumuli variabili tra 5 e 15 cm, a seconda dei settori. Nevicherà comunque a quote alte, mediamente tra 1000-1300 metri sull’Appennino centrale, tra 1300-1500 metri sull’Appennino meridionale.

Domani il tempo migliorerà sulle regioni centro-settentrionali, con della residua instabilità sparsa solo all’estremo Sud. Un pò di nubi persisteranno comunque sulle regioni del versante Adriatico, ove sarà ancora attiva una circolazione fredda da nord, mentre tra il medio-alto Tirreno e parte del Settentrione è atteso il ritorno di un cielo complessivamente sereno o poco nuvoloso.