News
Albergo di Campo Imperatore fu nascondiglio di Benito Mussolini

L’ albergo di Campo Imperatore costerà 4 milioni di euro

Il Comune di L’Aquila ha finalmente approvato il progetto esecutivo per la ristrutturazione dello storico albergo di Campo Imperatore.

Albergo di Campo Imperatore fu nascondiglio di Benito Mussolini

Un intervento che arriva dopo i ritardi e dopo che il Comune nel 2020 ha ripreso in capo l’intervento che prima vedeva come stazione appaltante il provveditorato. L’intervento è da quasi quattro milioni di euro e sarebbe dovuto partire in primavera.

L’opera, una volta fatta la gara d’appalto, dovrebbe vedere la conclusione in un anno e mezzo. Nel corso del tempo si sono avvicendate anche varie figure tecniche. Soddisfatto l’amministratore del Centro Turistico Dino Pignatelli che ha sempre evidenziato la necessità dell’albergo in quota.

Albergo di Campo Imperatore: modernizzare rispettando la storia

Il rinnovo della struttura dell’ albergo di Campo Imperatore, come scritto poc’anzi, prevede un costo totale di circa 3.8 milioni di euro, con una durata di cantiere di un anno e mezzo. Il centro benessere (punto di forza di questa struttura d’alta quota) sarà realizzato nei locali del seminterrato e comprenderà una reception dedicata, aree relax, sauna e bagno turco. L’obiettivo è modernizzare ma rispettando la natura storica dell’edificio.

L’ albergo di Campo Imperatore ha una storia ormai ultradecennale, che ha avuto inizio nel lontano 1934. La struttura alberghiera è divenuta famosa non solo per essere l’unica struttura ricettiva ad oltre 2100 metri di 5 piani e 45 camere del centro Italia, ma anche per aver tenuto in prigionia Benito Mussolini nel 1943.

Dopo anni di abbandono, è stato proposto ufficialmente il progetto per il recupero dell’albergo e per la sua trasformazione definitiva in struttura di lusso con SPA annessa.

L’obiettivo principale del progetto è quello di proporre un restauro architettonico nel rispetto storico dell’edificio, nel rispetto delle normative vigenti sia a livello impiantistico, igienico sanitario che all’abbattimento delle barriere architettoniche, affinché si possa ottenere un restauro funzionale e determinare una condizione interna di benessere.

Related Posts