Valanga di slittamento sull’Appennino Emiliano-Romagnolo

Valanga di slittamento in Emilia Romagna.

Come riportato dagli amici del Centro Meteo Emilia Romagna, si segnalano le prime criticità in Appennino a causa del rialzo termico, con fusione del manto nevoso, che diventa maggiormente instabile ed ecco i distacchi a causare disagi.

Interrotta la strada per Fellicarolo di Fanano (MO) in località Taburri.

Dopo le intense nevicate che hanno interessato le nostre montagne nei giorni scorsi, ora si fanno i conti con un deciso aumento delle temperature. Questo può comportare un distacco con un forte sovraccarico soprattutto sui pendii ripidi.

Sull’Appennino Emiliano-Romagnolo, come recita il bollettino valanghe emesso da Meteomont, “il GRADO DI PERICOLO passa DA MODERATO 2 A MARCATO 3. PERICOLO IN AUMENTO PER RIALZO TERMICO. TIPO DI PERICOLO: NEVE BAGNATA – PIOGGIA SUL MANTO NEVOSO. APPESANTIMENTO E PERDITA DI RESISTENZA. VALANGHE DI SLITTAMENTO – IL MANTO NEVOSO DIVENTA RAPIDAMENTE BAGNATO E FONDE NEGLI STRATI PIU’ BASSI“.

MANTO NEVOSO
Strati di neve bagnata su stratimoderatamente consolidati. Il manto nevoso è in generale moderatamente consolidato solo su alcuni pendii ripidi. Le piogge persistenti delle ore precedenti e tutt’ora in corso, registrate fino a quota di oltre i 1600 metri sul livello del mare, hanno comportato una perdita di coesione dei cristalli e un indebolimento del manto nevoso per la presenza di acqua liquida con conseguente sovraccarico sugli stati deboli. Probabile il verificarsi di valanghe di neve di debole coesione bagnata su alcuni pendii ripidi.

In considerazione delle avverse condizioni meteorologiche in atto, e della scarsa visibilità, risulterà difficoltosa l’individuazione dell’itinerario e della valutazione del singolo pendio. Meteomont rammenta ARTVA, pala e sonda sempre al seguito.

I dati ed i bollettini pubblicati quotidianamente sono sottoposti a processi interni di controllo qualità del dato, in particolare, di acquisizione e controllo degli osservatori e degli esperti valanghe, validazione dei previsori valanghe, certificazione della Sezione Meteomont. Il bollettino di pericolo valanghe viene pubblicato tutti i giorni alle ore 14:00 e fornisce le previsioni per le successive 48  e 72 ore.

Valanga

Valanga a lastroni foto di repertorio

Per una sua corretta lettura ed interpretazione si raccomanda di consultare la guida al bollettino.
Ai sensi della “Direttiva valanghe ” del Presidente del Consiglio dei Ministri del 12 agosto 2019, l’Arma stipula convenzioni con le Regioni al fine di supportare ulteriormente i Centri Funzionali di protezione civile con attività specialistiche di settore nel delicato compito di valutare i rischi e le criticità connesse agli eventi valanghivi.