Dopo lo Zio la Truna arriva anche al Rifugio Sebastiani del Terminillo

E’ ARRIVATA LA TRUNA ANCHE AL TERMINILLO 

Quanti di voi hanno mai visto nella propria vita una Truna? Soprattutto in quanti sanno cos’è la Truna.

Lecito domandarselo in quanto non è così scontato vedere delle opere di questo genere sulle nostre montagne, seppure nemmeno così difficile in quanto l’Appennino è spesso soggetto a delle fitte ed abbondantissime nevicate.

La Truna non è altro che un bivacco di emergenza che viene utilizzato per ripararsi dal freddo, dalla neve e dalle bufere.

Qualche settimana fa è cominciato il Truna Challenge quando delle simpatiche immagini, sono state messe nella rete social dall’Ostello Lo Zio che ha creato un accesso secondario in una zona molto esposta al vento e alle intemperie del maltempo di Campo Imperatore.

In poco tempo le foto e i video hanno fatto il giro d’Italia e non solo.

Oggi è invece il giorno del Rifugio Sebastiani del Terminillo, anche esso sommerso dalla neve e dalle eccezionali nevicate che sono cadute agli inizi del mese di gennaio e che si stanno verificando anche in queste ore.

Di seguito potete apprezzare queste simpatiche fotografie che hanno messo in rete anche i gestori del Rifugio Angelo Sebastiani.

La Truna Al Rifugio Angelo Sebastiani del Terminillo

La Truna Al Rifugio Angelo Sebastiani del Terminillo

La Truna Al Rifugio Angelo Sebastiani del Terminillo

Per creare una costruzione di questo genere ci vuole tanto sudore e tanta passione, soprattutto tantissima neve.

Complimenti ai ragazzi del Rifugio e a queste meravigliose immagini che riescono a farci sorridere anche in un periodo molto particolare.