Spettro di Brocken, fenomeno tra leggenda e realtà

Lo spettro di Brocken è un fenomeno ottico raro, che si verifica quando una persona o un oggetto si tiene ad un’altitudine più alta sulle montagne e vede la sua ombra proiettata su una nuvola a un’altitudine inferiore.
Lo spettro di Brocken è l’ombra ingrandita di un oggetto che si trova ad una altezza considerevole (un alto monte) circondata, in basso, da delle nuvole e nebbia e che si trova in direzione opposta al sole. Foto di MATTIA ORSI

Lo Spettro di Brocken non è una leggenda ma non è neanche la realtà; è uno dei più affascinati effetti ottici del mondo. Lo spettro Brocken è l’ombra ingrandita di un oggetto che si trova ad una altezza considerevole (un alto monte) circondata, in basso, da delle nuvole e nebbia e che si trova in direzione opposta al sole.

Guardando lo spettro vedremo un vero e proprio fantasma enorme e nero con una lungo mantello e con alle spalle un grande cerchio luminoso. Molto spesso accade che questa cerchio di luce è variopinto dei colori dell’arcobaleno perché intorno all’oggetto ci sono nuvole,nebbia e quindi goccioline d’acqua che vengono illuminate dal sole, che viene coperto dall’oggetto, e che dà la forma a questo disco colorato simile ad un’ aureola.

Il nome Brocken deriva dalla vetta più alta della catena montuosa Harz (che si trova in Germania) perché è il luogo ottimale per assistere a questo affascinante effetto ottico. Per far si che si venga a creare questo “spettro” ci devono essere delle condizioni particolari: ci deve essere una chiara luce da una lato, una profonda nebbia dall’altro e un oggetto o preferibilmente una persona che si posizioni tra i due. Ovviamente la persona che si trova tra una luce chiara e la nebbia non può vedere il suo spettro ma sarà visibile da altre persone che saranno più lontane.
Spettro di Brocken

Come abbiamo detto il fenomeno può essere osservato in ogni situazione in cui un oggetto, una persona o altro è retroilluminato dal sole e si trova sopra a una grande quantità di nebbia e nuvole. La dimensione dell’ombra che si verrà a formare è proporzionale alla distanza tra l’oggetto e la nebbia/nuvole. A causa della prospettiva l’ombra si presenterà distorta ma con una forma tendenzialmente triangolare. Inoltre, oggetti abbastanza vicini all’osservatore causano un’ulteriore illusione ottica, facendo sembrare l’ombra ancora più grande, per il confronto con questi oggetti. Infine, dato che l’ombra si trova posizionata sulle nuvole formate da tante goccioline d’acqua, al muoversi di quest’ultimi si muoverà e cambierà anche le dimensioni dello spettro.

L’aspetto del cerchio luminoso è dovuto alla diffusione della luce  nelle gocce d’acqua e nelle masse di nuvole. La luce è riflessa principalmente nella direzione opposta alla nebbia e alle nuvole. Nel caso in cui l’osservatore vede un cerchio colorato si tratta della defrazione delle gocce d’acqua simile a quella che avviene quando vediamo l’arcobaleno.
Per far si che si venga a creare questo lo spettro di Brocken ci devono essere delle condizioni particolari: ci deve essere una chiara luce da una lato, una profonda nebbia dall’altro e un oggetto o preferibilmente una persona che si posizioni tra i due

Fonte: blueplanetheart.it