News
Serpente liceo Roma: paura negli spogliatoi del liceo Majorana

Serpente liceo Roma, incontro in palestra

Serpente liceo Roma: ormai nella Capitale si trova di tutto. Stupore ieri per la presenza di un serpente nel liceo Majorana a Mezzocammino.

Serpente liceo Roma: paura negli spogliatoi del liceo Majorana

Dopo i primi attimi di paura, mista a stupore, gli alunni, hanno iniziato a filmare l’animale con i cellulari ed uno dei video è finito sulla pagina Instagram ‘Welcome to Favelas‘. Il rettile si trovava nei pressi della scala di emergenza, in prossimità dell’ingresso della palestra.

Serpente liceo Roma: con ogni probabilità il rettile è stato attratto dall’erba alta e dalla facilità di procacciarsi del cibo, vista la presenza di lucertole e topi nei paraggi. Fortunatamente era un biacco, un serpente non velenoso.

Come si è detto, non è la prima volta che si verifica un episodio del genere. Dopo le tartarughe azzannatrici nei condomini, i cinghiali e il pericolo della peste suina ora mancavano i serpenti.

Serpente liceo Roma: “È la prima volta che accade” spiega la dirigente scolastica Federica Consolini. “Siamo circondati da 400 ettari di verde – aggiunge – siamo nel centro di un parco, abbiamo l’aria pulita ma abbiamo anche gli animali”.

Serpente liceo Roma: fortunatamente era un biacco

Serperte liceo Roma era un biacco. Il biacco, diffuso un po’ ovunque, viene di solito riconosciuto facilmente per la sua colorazione giallo-nera o del tutto nerastra, ben diversa da quella delle vipere. E’ la specie più agile e veloce: se catturato non esita a mordere per difendersi.

Si difende molto all’antica, ossia fuggendo il più velocemente possibile. Se afferrato, non esita ad affrontare l’aggressore e a difendersi vigorosamente con ripetuti morsi. In caso di fuga impossibile cerca un varco lanciandosi contro l’aggressore. così che la preda diventa predatore e viceversa.

Quando ci si imbatte in un serpente in aperta campagna o in un ambiente naturale è bene lasciare che si allontani da solo, evitando in ogni caso di molestarlo o di ucciderlo.

Se invece il serpente viene trovato in una zona abitata o frequentata (giardini, cortili, orti, vicinanze di abitazioni), occorre cercare di catturarlo, possibilmente vivo, facendolo entrare con l’aiuto di un bastoncino in un contenitore.

I contenitori vanno poi chiusi in modo non ermetico (quindi non con i rispettivi tappi o coperchi), utilizzando una pezza di stoffa fermata con uno spago o degli elastici, e alloggiati in una scatola di cartone, mai in un sacchetto di plastica.

Related Posts