Sentieri del Gran Sasso presi d’assalto, lunghe code per raggiungere la vetta (VIDEO)

Sentieri del Gran Sasso d’Italia presi d’assalto dai turisti nel tentativo di raggiungere la vetta della montagna più alta dell’Appennino. Un video postato nei giorni scorsi attraverso i nostri canali, ha suscitato moltissime reazioni.

SENTIERI DEL GRAN SASSO D’ITALIA PRESI D’ASSALTO, CODE PER ARRIVARE IN VETTA: ECCO LE IMMAGINI

Il Gran Sasso d’Italia è la montagna più alta dell’intero Appennino, e anche la più frequentata da persone che vengono da tutta Italia per poter apprezzare la bellezza del gigante che spesso ricorda quelle particolari sembianze dolomitiche.

Si tratta di una montagna molto particolare, che in tanto sottovalutano ma che può risultare pericolosissima come testimoniano per l’appunto le decine di incidenti che si verificano ogni anno.

Specialmente in estate la voglia di montagna è sempre molta, tanto che turisti su turisti vogliono provare a raggiungere i quasi 3000 metri della montagna appenninica.

A spaventare però sono queste immagini girate da Massimo D’Amario e che gentilmente ha condiviso con noi, che mettono in evidenza come nel fine settimana – specialmente – raggiungere la vetta del Corno Grande risulta assai complicato.

Non tanto per la difficoltà che esso mostra, che certamente richiede una buona preparazione fisica, ma per l’affluenza che ultimamente è presente nei sentieri di montagna.

VESTIARIO INADEGUATO E RISCHIO INCIDENTI

In più occasioni ci arrivano segnalazioni di presenze di turisti nei sentieri di montagna, non dotati dell’attrezzatura corretta. In estate basterebbe davvero poco, soprattutto per non scivolare su tratti di ghiaia come quelli presenti a ripetizione nel sentiero per il Corno Grande.

In tante occasioni è capitato di imbattersi in persone, uscite di sentiero, che hanno causato la caduta di sassi verso i sentieri stessi dando vita a degli incidenti alle volte anche gravi.

Le code presenti sul sentiero della montagna più alta dell’Appennino, immortalate nei giorni scorsi, hanno tuttavia suscitato un pò di preoccupazione in molti escursionisti che ritengono che la montagna debba essere disciplinata soprattutto con un afflusso tale di persone.

Altre invece credono che non c’è assolutamente da stupirsi, e che la montagna essendo a disposizione di tutti è giusto che ognuno la frequenti come creda.

La verità in realtà è nel mezzo, perchè in troppe circostanze è accaduto che i soccorritori hanno dovuto affrontare degli importanti interventi di soccorso su persone che non erano dotate di vestiario adatto e spesso sopraffatte dalla paura.

E’ bene per il turismo che i sentieri del Gran Sasso d’Italia sono frequentati da molti turisti, ma è assolutamente necessario provare a ridurre al minimo il rischio che potrebbe mettere in pericolo non solo la nostra incolumità ma anche quella degli stessi soccorritori.

Comments (No)

Leave a Reply