Scuola Sci Terminillo: “affermazioni false e fuorvianti, Terminillo unica stazione dotata di innevamento artificiale e chiusa”

Scuola Sci Terminillo, sui canali ufficiali della scuola è stato scritto un lungo comunicato dove sono state esposte delle impressioni anche piuttosto dure nei confronti della stazione di sci.

SCUOLA SCI TERMINILLO, IL COMPRENSORIO DOTATO DI INNEVAMENTO ARTIFICIALE E’ L’UNICO A NON AVERE IMPIANTI APERTI

Proprio ieri sera dopo un lungo servizio della Rai è arrivato il comunicato della scuola sci locale, che ha fatto sapere come tutto ciò che è stato affermato all’interno del servizio non è assolutamente veritiero. Stando a quanto si legge, grandi responsabilità verrebbero attribuite alla gestione degli impianti colpevole di non avere sfruttato le finestre idonee per sparare con i cannoni.

Alcuni funzionari della stazione sono stati inoltre intervistati, ribadendo che la causa di questa situazione è da attribuire alle alte temperature che non hanno mai consentito di poter usufruire della neve tecnica.

Scuola Sci Terminillo, impianti chiusi per gestione errata innevamento artificiale

Scuola Sci Terminillo, impianti chiusi per gestione errata innevamento artificiale

Di un altro avviso la scuola, ma anche tanti assidui frequentatori del posto che hanno affermato come le possibilità di azionare i sistemi di innevamento artificiale ci sono stati.

Ecco di seguito il comunicato:

La Scuola Sci Terminillo dopo aver letto sugli organi di stampa nazionali ed internazionali affermazioni false e fuorvianti ritiene doveroso chiarire che il Terminillo sia l’unica stazione appenninica dotata di innevamento artificiale a non avere neanche un impianto aperto.

Questo tuttavia non è dovuto alle eccezionali condizioni climatiche di questa stagione, piuttosto ad una gestione non puntuale delle finestre climatiche utili a produrre neve.

È da sottolineare il fatto che pochi sono stati i tentativi messi in atto sulla pista Togo servita dal tapis roulant, e che se fossero stati gestiti in maniera più opportuna sfruttando TUTTE le finestre adatte alla produzione di neve, sarebbero risultatati efficaci e permanenti, poiché infatti, nonostante le temperature elevate degli ultimi 15 giorni, grazie alla posizione favorevole della pista Togo che giace in ombra gran parte della giornata, la neve prodotta non ha accennato a sciogliersi e giace tuttora in loco.

La scuola sci ed i maestri, professionisti che operano su questa montagna da sempre, stigmatizzano l’effetto negativo creato da notizie fuorvianti e considerazioni erronee divulgate da persone che pur ricoprendo ruoli dirigenziali hanno modesta conoscenza dei meccanismi di gestione e preparazione delle piste da sci.

E’ sempre la scuola sci a sottolineare come una situazione di immobilità del genere, sta apportando dei danni davvero importanti a tutta l’economia locale con le attività circostanti che si ritrovano quasi totalmente senza clientela.

Da anni vi è una diatriba presente sul Teriminillo, tra chi è favorevole allo sviluppo del comprensorio e chi invece sostiene che le attività montane debbano essere riconvertite a favore di un turismo lento.

La scuola sci Terminillo ha inoltre specificato, come questa situazione, non sia solo ed esclusivamente responsabilità delle alte temperature di questo inverno, ma di una gestione e diffusione di notizie totalmente sbagliate e fuorvianti.

Comments (No)

Leave a Reply