Quanta neve è caduta a Campo Imperatore? Ecco le stime Meteomont

Quanta neve è caduta a Campo Imperatore? E’ una tra le domande che in moltissimi in queste ore ci state ponendo tramite i nostri canali social e alla quale cercheremo di rispondervi velocemente.

QUANTA NEVE E’ CADUTA A CAMPO IMPERATORE, ECCO I VALORI REGISTRATI DAI MILITARI METEOMONT

Nei social impazza in queste ore la voglia di sci, soprattutto a causa di un inverno che fino ad oggi ha mostrato davvero il peggio di se. L’Appennino ha vissuto una stagione “fredda” condizionata da temperature eccessivamente miti e un’assenza quasi totale di precipitazioni, che hanno fatto piombare in piena crisi non solo tutta l’industria della neve ma anche della montagna.

C’è poco da fare, la montagna in inverno è associata quasi ed esclusivamente alla neve e senza la materia prima anche il turismo sprofonda in piena crisi.

Ad ogni modo lo scorso fine settimana una perturbazione dalle caratteristiche più tardo primaverili che invernali, ha causato un forte peggioramento del tempo che ha portato delle precipitazioni intense sulla nostra Penisola.

Piogge, temporali e qualche nevicata in montagna ma soltanto in un secondo momento dopo che a dominare gran parte della giornata di sabato sono state le piogge.

Campo Imperatore, il miracolo dei gattisti del Gran Sasso sotto gli occhi di tutti

Campo Imperatore, il miracolo dei gattisti del Gran Sasso sotto gli occhi di tutti. Foto di Emanuele Valeri

Anche sulla stazione più alta dell’Appennino inizialmente la quota neve risultava proprio al limite, per poi portarsi attorno ai 1800 metri di quota ma con precipitazioni che sono risultate di moderata intensità.

All’ordine dei fatti il servizio offerto dai militari di Meteomonti, nel corso delle rilevazioni, ha misurato 19 centimetri di neve fresca nelle aree dove è situata la stazione meteo per il monitoraggio nivometrico.

Sappiamo che sul Gran Sasso e in particolare nella zona dove sono presenti gli impianti, nel corso dei peggioramenti del tempo, i venti assumono carattere di tempesta con raffiche che superano con estrema facilità anche i 100 Km/h.

La neve viene dunque spazzata e portata all’interno dei canaloni, per poi essere lavorata e spostata nuovamente nelle piste dagli operai del Centro Turistico Gran Sasso.

Se nei giorni scorsi sul comprensorio più alto dell’Appennino era possibile sciare solo ed esclusivamente su neve naturale, questa perturbazione anche se con poca neve ha dato un momento di respiro alla stazione.

E’ verosimile che appena il maltempo cesserà, quindi a partire dalla giornata di domani, anche le piste in quota – quelle aperte nei giorni scorsi – torneranno ad essere fruibili e sicuramente migliori anche delle già ottimali condizioni della settimana scorsa.

Ricordiamo che le piste aperte erano le medesime: Mirtillo, Campo Scuola, Canalino e Compressione, mentre tutte le altre a causa di assenza di neve era risultato impossibile pensare di aprirle.

Il video girato con il drone tuttavia rende giustizia al grande lavoro fatto dagli operai del Centro Turistico che nonostante le elevate temperature dell’altra settimana, hanno permesso agli sciatori e amanti della neve di poter trascorrere delle belle e serene giornate sul Gran Sasso.

Quanta neve è caduta a Campo Imperatore? Secondo le rilevazioni Meteomont sono caduti al suolo 19 centimetri. Questo è l’accumulo reale, in un’area costruita appositamente per questo genere di operazioni. La situazione pertanto non potrà che essere migliorata.

Comments (No)

Leave a Reply