News

In questo periodo i cervi perdono il loro palco, quello che i profani chiamano “corna”, che benchè caratterizzato da un tipo di materiale durissimo, non è costituito dal corno come per esempio nei camosci, ma da un tessuto cartilagineo.

Si tratta di un percorso inedito che permette di raggiungere l’antico insediamento rurale delle Pagliare di Tione, che costituiva l’alpeggio degli abitanti della Valle Subequana i quali in estate si trasferivano qui con il loro bestiame.

Partendo dai Prati del Sirente e percorrendo un’antica mulattiera, durante il cammino si avrà la possibilità di osservare le opere murarie realizzate dall’uomo (stazzi, muretti a secco, terrazzamenti) immersi in una natura davvero selvaggia ma comunque assai ben conservata.

L’area è ricca di animali selvatici e sarà così possibile osservare le molte tracce dei cervi, numerosissimi nella zona e con un pò di fortuna trovare qualche palco (corna) che i cervi maschi perdono proprio durante questo periodo.

palchi cervo

Related Posts