News

Dopo 38 anni dalla forte scossa di terremoto che ha colpito la zona di Norcia, in Umbria, il fiume Torbidone è tornato a scorrere nel suo vecchio alveo grazie al super lavoro svolto, nei mesi scorsi, dagli uomini dell’Esercito. Il fiume, che nelle ultime settimane ha osservato un aumento della portata davvero notevole, era fiume Torbidonescomparso dopo il forte sisma che nel 1979 colpì Norcia, causando numerosi, gravi danni. Ora il corso d’acqua ha ripreso vigore ed è come rinato dalla sua sorgente, situata nel sud-est dell’Umbria, sulla collinetta di Vallaccone. In base ai rilievi effettuati qualche settimana fa, l’acqua scorre in maniera molto copiosa ad un ritmo incredibile di 350 litri al secondo!

Prima che si verificassero le due forti scosse di terremoto (una di magnitudo 6.5 e l’altra di magnitudo 5,9, che di fatto ne ha causato la sparizione) il corso del fiume Torbidone scorreva fino a raggiungere il fiume Sordo, un affluente del Nera. L’intervento dei Vigili del Fuoco e degli uomini della Protezione Civile è servito per arginare l’acqua che invase tutti i campi circostanti, mettendo altresì in serio pericolo tutti gli animali situati all’interno delle numerose fiume Torbidone 1stalle presenti in questa zona. A distanza di molti anni, ormai, il fiume Torbidone è tornato a mostrare tutta la sua bellezza; scorre in un letto ampio con una portata notevole e questo sta mettendo a rischio quelle che sono le abitazioni situate immediatamente vicino alla riva, considerando anche che quasi tutti i campì lì presenti sono stati ormai completamente allagati.

Quel che conta, tuttavia, è che adesso il fiume Torbidone sia tornato nuovamente a scorrere in tutta la sua bellezza e potenza esattamente come prima che il forte terremoto ne causasse la pressochè totale sparizione. Il nuovo corso del fiume, peraltro, ha anche dato vita alla formazione di un nuovo lago, prima di scendere verso valle e confluire, proprio come anni e anni fa, nel Nera.

fiume Torbidone 2

Related Posts