Muri di neve incredibili verso il Rifugio Angelo Sebastiani del Terminillo, FOTO

La primavera regala sempre spettacolo sia con i suoi colori che con la fusione del ghiaccio e della neve.

Quello appena passato è sicuramente stato uno tra gli inverni più nevosi degli ultimi anni, specie per le regioni del Centro-Nord italia, che praticamente dagli inizi del mese di dicembre hanno avuto a che fare con delle perturbazioni a carattere freddo capace di portare abbondanti nevicate in Appennino.

Ricorderete sicuramente i primi accumuli nevosi importanti arrivati intorno alla metà del mese di dicembre 2020 e poi le fortissime nevicate di fine anno e inizio 2021, che hanno fatto registrare al suolo degli apporti nevosi davvero notevoli.

Al Terminillo ad esempio già in dicembre era presente oltre un metro di neve fresca, tanto che le strade vennero chiuse e dal Rifugio Angelo Sebastiani arrivavano delle foto straordinarie come quelle della costruzione della truna che fecero i gestori del rifugio stesso isolati per la neve.

Oggi 8 maggio invece ci arrivano queste straordinarie immagini di Francesco Patacchiola, che nel pomeriggio di ieri si è recato al Terminillo per documentare la riapertura della strada che conduce al Rifugio Angelo Sebastiani.

Come potete voi stessi osservare a bordo strada sono presenti dei veri e propri muri di neve.

Montagne di neve a bordo strada al Terminillo procedendo verso il Rifugio Angelo Sebastiani. Foto Francesco Patacchiola 
Montagne di neve a bordo strada al Terminillo procedendo verso il Rifugio Angelo Sebastiani

Montagne di neve a bordo strada al Terminillo procedendo verso il Rifugio Angelo Sebastiani. Foto Francesco Patacchiola 

Montagne di neve a bordo strada al Terminillo procedendo verso il Rifugio Angelo Sebastiani. Foto Francesco Patacchiola 

L’impatto scenico dovuto a tale situazione è davvero incredibile, anche se tutti gli anni è possibile apprezzare la neve a bordo strada al Terminillo quest’anno né è presente una quantità davvero incredibile.