Neve Maielletta, si scava per liberare le automobili

Neve Maielletta, si sfiora il metro

Neve Maielletta. Finalmente la ‘dama bianca’ è arrivata, come da previsione. Stamane la località abruzzese si è svegliata sotto una copiosa nevicata e gli accumuli al suolo sono molto abbondanti.

Le immagini della webcam posta sull’ingresso dell’hotel Mammarosa sono piuttosto eloquenti e mostrano alcune persone intente letteralmente a scavare per liberare le proprie auto, sepolte sotto la neve.

L’inverno sembrerebbe a tutti gli effetti essere entrato nel vivo, seppure con grandissimo ritardo. Anche nei prossimi giorni la circolazione rimarrà a carattere freddo, pertanto assisteremo a condizioni di instabilità meteorologica, che causerà probabilmente con l’arrivo del prossimo fine settimana delle nuove nevicate.

L’evoluzione appena descritta ha un basso grado di affidabilità a causa della particolare circolazione atmosferica attesa nell’area mediterranea. L’incertezza è destinata ad aumentare per quanto riguarda la tendenza meteo a partire dalla seconda parte di giovedì.

Non è da escludersi, infatti, una nuova irruzione fredda di origine artica, in discesa dalla Scandinavia e diretta soprattutto verso i Balcani e la Grecia, ma con un possibile marginale coinvolgimento dell’Italia, specie le regioni orientali.

Neve Maielletta, parte la stagione sciistica

Neve Maielletta. La neve tanto attesa potrà permettere la partenza della stagione sciistica anche sulla Maiella. Passo Lanciano e la Maielletta si preparano ad accogliere i tanti turisti che affolleranno le piste.

Neve Maielletta, finalmente potrà partire la stagione sciistica

Passolanciano-Maielletta è un comprensorio sciistico italiano, situato nell’appennino abruzzese, sul versante nord-orientale del massiccio della Maiella, all’interno del parco nazionale della Maiella, nel territorio dei comuni di Pretoro, Rapino e Pennapiedimonte (in provincia di Chieti) e Roccamorice (provincia di Pescara).

Nato a metà anni novanta, consta di due differenti stazioni sciistiche limitrofe, ma sciisticamente non direttamente collegate tra loro: quella di Passo Lanciano (1300 m s.l.m. circa) e quella della Maielletta (1648 m circa) poste lungo la strada che sale prima fino al rifugio Bruno Pomilio (1888 m) e poi fino al Blockhaus (2143 m), con un bacino di utenza rivolto principalmente al basso Abruzzo con le province di Pescara e Chieti.

Dalle piste della Maielletta, a partire dai 1600 m fino ai 2000 m di quota, è invece possibile scorgere nelle giornate limpide, oltre alle cime più alte del massiccio, il Gran Sasso a nord, il Velino-Sirente a nord-ovest, in lontananza ad est anche la vista del Mare Adriatico (unica stazione sciistica dell’appennino abruzzese, assieme a Prati di Tivo, dove poter sciare con vista mare in lontananza.

Comments (No)

Leave a Reply