Meteo Natale 2022, la neve rimarrà utopia. Quante volte in passato è successo a Natale ?

Meteo Natale 2022, al momento dalle proiezioni meteo a medio lungo termine non si intravede la possibilità di significative ondate di freddo per il Santo Natale.

METEO NATALE 2022, AL MOMENTO NESSUNA SIGNIFICATIVA ONDATA DI FREDDO E NEVE PER L’INIZIO DELLE FESTE

Né avevamo già iniziato a parlare nel corso degli articoli precedenti del tempo previsto per i prossimi giorni e della tendenza meteo per il Santo Natale. Ricorderete sicuramente il fatto che si accennava ad una stabilità meteorologica, che pareva iniziare proprio nei giorni a ridosso delle feste più attese dell’anno.

A dire il vero la tendenza sembrerebbe andare a confermarsi, perchè dopo un periodo in cui le depressioni atlantiche sono riuscite ad entrare con vigore sulla nostra Penisola, portando anche piogge molto intense, inevitabilmente questa situazione subirà una fase di stallo che potrà risultare più o meno duratura.

Ribadiamo che in questo articolo riferiamo solamente quanto possiamo osservare dalle mappe meteorologiche, pertanto non trattiamo previsioni a lunga gittata, e quindi esprimiamo una nostra opinione in base a quanto ad oggi vediamo.

NUMEROSE PERTURBAZIONI E MITEZZA SULLE NOSTRE MONTAGNE

Dopo stagioni in cui a dominare lo scenario meteorologico sono state mitezza e siccità da record, l’autunno ha presentato il conto mostrandosi con una serie lunghissima di perturbazioni che tutt’ora stanno causando delle piogge sulla nostra Penisola.

Una situazione, appunto, più autunnale che tendente alla stagione fredda a causa dello scivolamento delle correnti fredde provenienti dal nord Europa verso la Spagna e la Penisola Iberica.

Cosa comporta tutto questo? Per le nostre montagne appenniniche una fase prolungata di maltempo, ma con fasi di libeccio o di scirocco anche piuttosto corpose, capaci di causare forti rialzi termici e delle piogge insistenti anche in alta quota.

Ma la situazione per il Natale è destinata a mutare e anche questa volta non nel senso che vorrebbero centinaia di migliaia di appassionati del freddo e della neve, ma nel verso opposto.

Meteo natale 2022, la tendenza è al ritorno dell'alta pressione

La tendenza meteo per il Natale vede un aumento della pressione sulla nostra Penisola, con l’alta pressione subtropicale che inizialmente potrebbe causare anche un forte rialzo termico. Ricordiamo che la mappa in questione va interpretata tendenza e non come previsione Meteo Natale 2022

Quel che è mancato fino a questo momento è stata la capacita delle onde planetarie atlantica e azzorriana di estendersi fino alle alte latitudini, rimanendo inibite e favorendo lo scivolamento dell’aria fredda verso la Penisola Iberica.

La conseguenza è stata più volte vedere un richiamo caldo umido sulle nostre regioni, che non può certo portare delle nevicate in montagna.

Nel periodo natalizio, o a ridosso, assisteremo ad un cambio di scenario che vedrà riprendere le vorticità in uscita dalla East Coast, andando a causare la contro risposta dell’alta pressione sub tropicale che che si schiaccerà sui paralleli regalandoci giorni di temperature miti specie di giorno, e quindi assenza di maltempo.

Una dinamica questa che potrebbe risultare anche piuttosto lunga, parliamo di circa 10 giorni di stallo, con la situazione che effettivamente potrebbe mostrare qualche segno di mutazione solamente a ridosso della fine dell’anno o a cavallo con il nuovo.

Tuttavia tale dinamica è anche necessaria per avere un cambio di scenario meteorologico, di una situazione che certamente non era favorevole a delle ondate di freddo e neve per la nostra Penisola.

NATALE IN APPENNINO E LE SUE FESTE SONO STATE SEMPRE FREDDE E ALL’INSEGNA DELLA NEVE?

Assolutamente no, il Natale in Appennino difficilmente è risultato eccezionalmente freddo anche negli anni passati.

Gli allegati mostrano una serie di feste natalizie condizionate dall’alta pressione, mentre altre sulle quali non ci spingiamo sono state interessate da maltempo ma con richiamo umido e caldo sulle nostre regioni centro meridionali.

In passato in Appennino, quando non era presente l’innevamento artificiale, ricordano molto maestri di sci e allenatori, non era possibile in alcune annate praticare lo sci alpino, tanto che spesso capitava gli sci club dovessero spostarsi al nord Italia per gli allenamenti.

POSSIBILITA’ DI ASSISTERE ALL’AVVIO DELLA STAGIONE DELLO SCI AL CENTRO ITALIA CON IL NUOVO ANNO ?

Il rischio è molto concreto. Quest’anno c’è una grande possibilità di dovere attendere il nuovo anno per sperare di vedere la neve ed avere un innevamento adeguato per far prendere forma ad una stagione che sembrerebbe, almeno nella sua prima parte, trascorrere in sordina.
Meteo Natale 2022, nei prossimi giorni seguiranno degli aggiornamenti in merito.

Comments (No)

Leave a Reply