News

L’arrivo della tanto attesa perturbazione atlantica, sul Mediterraneo centrale, ha un pò rovinato la domenica per molti italiani. Dopo giorni e giorni in compagnia dell’alta pressione, il guasto del tempo è giunto puntuale proprio nel fine settimana, “rispettando” in toto quella che ormai sembra divenuta una sorta di “tradizione”. Ma tant’è, dopo un lungo periodo di clima secco anche la pioggia, sempre in quantità ragionevole, non può altro che far bene alla terra, divenuta ormai secca proprio a causa della mancanza di precipitazioni. Nel corso della giornata odierna, ma in generale anche all’inizio della nuova settimana, il tempo si manterrà generalmente variabile, a tratti anche molto instabile, su gran parte della Penisola, con piogge, rovesci e temporali che interesseranno, a macchia di leopardo, il Centro Nord e le regioni centro-meridionali. In questo contesto le temperature si abbasseranno e sull’Appennino farà nuovamente capolino la neve, specie a quote alte sui rilievi del Centro Sud.

Anche oggi, infatti, il sistema perturbato in discesa dalla Francia ha generato un cospicuo abbassamento dei valori termici su gran parte del territorio Nazionale, ove il clima si presenta generalmente più fresco rispetto ai giorni scorsi. Proprio questo cambiamento ha infatti prodotto il ritorno di qualche nevicata sui monti del Centro Sud, come ci mostra anche l’immagine in allegato, ove si può ben osservare i fenomeni nevosi attualmente in corso sul Sirente, al di sopra dei 1800/1900 metri. Come già accenato qualche riga sovastante, il maltempo oggi persisterà almeno fino a sera soprattutto al Centro Sud e all’estremo Nord Ovest, con piogge anche forti, rovesci spesso a carattere temporalesco e nevicate sull’Appennino in generale al di sopra dei 1800/2000 metri.

IMG_3951

Related Posts