Maltempo Abruzzo, esondato fiume Sangro a Villetta Barrea

Maltempo Abruzzo, alto Sangro sotto tiro

Maltempo Abruzzo. Come previsto, il maltempo si è concentrato soprattutto sul bacino dell’Alto Sangro. Esondato il fiume Sangro a Villetta Barrea. Scuole chiuse in alcuni comuni della Marsica. Soccorritori e volontari attivi per ridurre gli effetti del maltempo.

Maltempo Abruzzo, il fiume Giovenco a Pescina rischia di esondare

Il Centro funzionale d’Abruzzo della Protezione civile, già da qualche ora, ha comunicato che “la lettura dei livelli idrometrici della rete in telemisura del fiume Sangro ha segnalato il superamento della soglia di allarme ed una graduale”.

La forte perturbazione in corso sul Paese sta causando puntuali disagi come allagamenti e caduta alberi ma al momento non si segnalano forti criticità dai territori. Ieri era stata diramata un’allerta meteo rossa su Abruzzo, settore dell’alto Sangro.

Raffiche di 120 chilometri orari sul monte Genzana e oltre 133 millimetri di pioggia caduti in poche ore in provincia de L’Aquila (a Villetta Barrea), ma anche a Pescina la situazione del fiume Giovenco non è delle migliori, come è possibile osservare dalla foto scattata da Stefano De Stefano e pubblicata da Meteo Abruzzo.

Maltempo Abruzzo, verso un miglioramento

Maltempo Abruzzo. Dopo una giornata critica a causa del passaggio dell’intensa perturbazione che ha portato precipitazioni abbondanti e venti burrascosi, la situazione volgerà verso un graduale miglioramento che aprirà una temporanea fase con condizioni più stabili che insisteranno fino a giovedì 24 novembre.

Nonostante l’ampio margine di incertezza legato ancora all’evoluzione successiva, sembra probabile un nuovo peggioramento fra venerdì 25 novembre e il prossimo fine settimana, dovuto all’arrivo di una nuova perturbazione che dovrebbe interessare essenzialmente il Centro-Sud.

La depressione collegata alla prossima perturbazione, dal Mar di Corsica scivolerà gradualmente verso sud-est portandosi domenica 27 in prossimità della Sicilia, richiamando un’intensa ventilazione nord-orientale che nel weekend del 26-27 novembre determinerà il conseguente afflusso di aria più fredda, in particolare al Nord-Est e sulle regioni adriatiche.

Comments (No)

Leave a Reply