News
Il canyon dello Scoppaturo, nei pressi di Campo Imperatore, sommerso dall'acqua

Campo Imperatore e il fiume d’acqua

Nei pressi di Campo Imperatore, il violento nubifragio dei giorni scorsi ha generato una specie di fiume lungo il canyon dello Scoppaturo.

Il canyon dello Scoppaturo, nei pressi di Campo Imperatore, sommerso dall'acqua

La splendida foto, scattata da Mario Gambacurta e pubblicata sul suo profilo Facebook, evidenzia il fiume d’acqua generatosi grazie al repentino episodio di maltempo.

Qualche giorno fa, difatti, in un nostro articolo vi abbiamo anche mostrato le immagini successive al temporale che ha ‘scaricato’ al suolo una considerevole quantità di pioggia in un breve lasso di tempo.

Si tratta di situazioni che possono risultare o presentarsi in modo molto violento, sebbene in aree piuttosto localizzate e quindi impossibili da prevedere.

Nelle ore pomeridiane di mercoledì 27 luglio, un violento temporale si è sviluppato a ridosso del Monte Prena e del Monte Camicia, dando vita a severi fenomeni grandinigeni ben visibili sia dalla piana di Campo Imperatore che dal piazzale.

Da Campo Imperatore allo Scoppaturo

Forse non tutti sanno che non lontano da Campo Imperatore c’è uno dei luoghi simbolo dell’Abruzzo: il canyon dello Scoppaturo. Talmente bello che gli escursionisti lo hanno ribattezzato il ‘Canyon delle Meraviglie’.

E infatti il canyon dello Scoppaturo è uno dei luoghi più affascinanti e scenografici dell’Abruzzo. Non a caso qui sono state girate scene moltissimi film, western e non. Come non ricordare ‘Continuavano a chiamarlo Trinità’ con Bud Spencer e Terence Hill?

In realtà a quanto pare il nome ufficiale di questo luogo è il canyon della Valianara. E qui entrano in ballo leggende sulle streghe legate a Castel del Monte.

Sì, perché nelle credenze popolari, Valianara è una delle streghe più potenti della zona. E a lei viene associato un imponente monolite che si trova proprio all’interno del canyon e la grotta poco più avanti.

A Campo Imperatore, sia durante la stagione estiva che durante quella invernale in inverno, non è difficile assistere a fenomeni meteorologici anche estremi, capaci di dare vita ad episodi di maltempo molto intensi.

Campo Imperatore nel corso degli anni ci ha regalato delle immagini a dir poco sbalorditive sia in estate che in inverno, specie nella stagione fredda quando è quasi routine assistere a nevicate con carattere di bufera o tempesta.

Nonostante la notevole presenza dei turisti, sia in estate che in inverno, non mancano delle problematiche, soprattutto legate a scarsi mezzi di gestione dell’afflusso per la gran parte dovuti ad una struttura che non è proprio una tra le più all’avanguardia in Italia.

Questo avviene a causa di una lotta che da anni impedisce lo sviluppo della stazione del Gran Sasso, che vede le altre ampliarsi mentre Campo Imperatore resta sempre allo stesso livello nonostante gli anni passano e la tecnologia evolve.

Nel corso dei prossimi giorni, principalmente durante la parte centrale della settimana, si conferma l’ennesimo rinforzo dell’Anticiclone nord africano.

Questa volta, però, troverà una struttura indebolita dalla presenza di una debole depressione. Questo causerà dell’instabilità atmosferica.

Caldo intenso e assolutamente asciutto, quindi, ma con la possibilità di temporali in diverse zone, specie quelle montuose.

Related Posts