News
Un lupo insegue tre giovani daini

Il lupo, un affascinante e controverso predatore

Questa bellissima ripresa di un lupo lanciato nell’inseguimento di tre giovani daini, effettuata da Daniele Ecotti di Io non ho paura del lupo, è un importante documento che permette di ribadire alcuni aspetti e caratteristiche di questo affascinante e controverso predatore:

– pur essendo principalmente attivi durante le ore notturne i lupi possono predare anche durante il giorno.

– il lupo si rivolge alle prede più “facili” da catturare: animali giovani, debilitati, malati o in difficoltà, contribuendo a limitare un’eccessiva proliferazione ma anche selezionando gli animali più forti a discapito dei più deboli, migliorando le caratteristiche delle specie preda.

– mediamente solo un tentativo di predazione su dieci va a buon fine.

Un lupo insegue tre giovani daini

Le potenziali prede vengono localizzate grazie ai sensi molto sviluppati che i lupi utilizzano per elaborare le informazioni: l’odorato e la capacità di leggere le tracce. Sfruttando la loro resistenza e velocità nella corsa, i lupi inseguono la loro preda fino a sfiancarla. Una volta avvicinata la preda, il lupo la atterra con morsi ai quarti posteriori o ai fianchi, per poi ucciderla con un morso alla gola.
I lupi cacciano col favore del vento e sfruttano la profonda conoscenza del loro territorio, utilizzando scorciatoie per risparmiare energie e facilitare gli agguati.

In questo caso non conosciamo l’esito dell’inseguimento, ma riteniamo importante sottolineare come in natura la morte di un animale sia necessaria alla sopravvivenza di molte altre specie e di come tutti gli animali selvatici, lupo in primis, debbano essere visti come tali e considerati  fondamentali tasselli dell’ecosistema, ognuno con il proprio ruolo ed ognuno necessario al compimento delle diverse dinamiche naturali.

Le prede preferite dal lupo

Ogni branco di lupi ha il suo territorio. Il lupo caccia di preferenza caprioli, cervi, camosci, cinghiali e alci. Completano il suo menu piccoli mammiferi, insetti, uccelli, rettili, frutti e carogne. Cacciano ciò che può essere predato più facilmente, prevalentemente esemplari malati e deboli, contribuendo così a mantenere sana la popolazione di selvaggina.

Ma i lupi attaccano anche gli animali da reddito come capre e pecore incustodite uccidendo all’anno circa 200 esemplari. In confronto, ogni estate negli alpeggi muoiono per malattia o cadute dai precipizi circa 4000 pecore perché non sufficientemente sorvegliate.

È bene ricordare, però, che il lupo svolge un ruolo fondamentale per l’equilibrio naturale.

Related Posts