News

Tra le montagne più alte dell’Appennino sono incastonati numerosi laghi. Dal lago di Barrea a quello di Scanno, fino ad arrivare al bacino artificiale di Penne.

atrarca

In alcuni di questi laghi sono praticabili anche degli sport come il windsurf, la canoa e la pesca sportiva. Lungo gli argini, spesso, si trovano anche fantastici percorsi per mountain bike o trekking.

Qui di seguito parleremo di alcuni laghi:

LAGO DI BARREA: E’ un lago di origine artificiale, situato nel cuore del Parco Nazionale di Abruzzo e sul quale si affacciano tre deliziosi borghi. Barrea, Villetta Barrea e Civitella Alfedena, tre comuni in provincia di l’Aquila.

Il Lago di Barrea fu generato nell’ormai lontano 1951 grazie allo sbarramento del fiume Sangro presso la foce di Barrea. La lunghezza media del lago è di 5 Km e 500 metri.

LAGO DI CAMPOTOSTO: si trova in provincia di l’Aquila e viene definito come un piccolo mare artificiale, situato nel cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga.

Si tratta del lago più grande che esista in Abruzzo, poichè si estende su circa 1400 ettari tra i comuni di  Campotosto, Capitignano e l’Aquila.

Il lago fu creato affinchè le sua acque venissero utilizzate per far funzionare le centrali idroelettriche, che in passato furono costruite nella valle del Vomano.

Dopo il terremoto di agosto 2016 e di gennaio 2017, in misura precauzionale, il lago è stato parzialmente svuotato.

LAGO DI SCANNO: Il lago di Scanno è noto come il lago dei misteri. Si estende tra il comune di Scanno, la comunità montana di Peligna e il comune di Villalago. E’ nato grazie ad una frana, migliaia di anni fa, che sbarrò il torrente Tasso e il torrente Giordano.

LAGO DEL SIRENTE: Nel cuore del Parco Regionale del Sirente-Velino, si trova quello che all’altezza dei magnifici pratoni del Sirente viene denominato come il laghetto di Secinaro. Un lago di origine naturale, che viene a formarsi solo in maniera stagionale e che presenta un diametro di circa 140 metri accompagnato da altri 17 crateri più piccoli.

L’origine del lago è glaciale e dopo anni di vari studi, alcuni ricercatori hanno evidenziato la possibilità che il lago sia il primo cratere da impatto da meteorite, riconosciuto in Italia e il 156esimo al mondo.

LAGHI DI CAMPO IMPERATORE: la bellissima piana di Campo Imperatore di origine carsico glaciale, come quella della Piana di Pezza e di Campo Felice, definita anche come Piccolo Tibet è caratterizzata dalla presenza di piccoli specchi d’acqua naturali. Tra questi laghi, spicca la presenza del Pietranzoni. Nei pressi dei borghi adiacenti, troviamo, il lago di Santo Stefano e di Calascio.

Related Posts