I cinque borghi da visitare assolutamente sull’Altopiano delle Rocche

Cinque borghi sono quelli che vanno assolutamente visitati sull’Altopiano delle Rocche. Rocca di Cambio, Rocca di Mezzo, Terranera, Rovere e Ovindoli.

CINQUE BORGHI SONO QUELLI CHE DEVONO ESSERE ASSOLUTAMENTE VISITATI QUANDO SI ARRIVA SULL’ALTOPIANO DELLE ROCCHE

L’altopiano delle Rocche si trova in Abruzzo, in provincia della città di l’Aquila, ed è una tra le località preferite dagli amanti della montagna e della natura, sia per le bellezze naturalistiche che questi posti sanno offrire, sia per la vicinanza relativa dalla città di Roma che coinvolge migliaia e migliaia di turisti in tutte le stagioni.

Quando parliamo di altopiano delle Rocche ci riferiamo a quella porzione di territorio che è compresa tra i borghi di Rocca di Cambio, Ovindoli e Rocca di Mezzo.

Qualcuno ci dirà: ” allora per quale motivo avete parlato di cinque borghi da visitare”?

La risposta è semplice. Rovere e Terranera sono delle frazioni del Comune di Rocca di Mezzo, ma in ogni caso comprese nel territorio dell’altopiano. Borghi storici, meravigliosi per la loro struttura e storia.

CINQUE BORGHI, ALTOPIANO DELLE ROCCHE PATRIA DELLO SCI IN ABRUZZO

I cinque borghi sopra menzionati sono considerati luoghi simbolo per lo sci. Terranera, Ovindoli, Rocca di Mezzo, Rovere e Rocca di Cambio sono situati a pochissimi chilometri dagli impianti sportivi di Campo Felice Spa e della Ovindoli Monte Magnola.

Questi comprensori sono quelli considerati tra i più all’avanguardia di tutto l’Appennino e nei fine settimana della stagione invernale sono migliaia e migliaia i turisti che si recano in queste località per godersi lo spettacolo della natura e della neve.

PIANI DI PEZZA, UNA TRA LE PIANE PIU’ GELIDE IN ITALIA

Sempre nel Comune di Rocca di Mezzo troviamo i Piani di Pezza, si tratta di una piana di origine glaciale, carsico alluvionale, che per via della sua conformazione geografica è considerata una piana ad inversione termica ed una tra le più gelide in Italia.

Nella storica ondata del 2012, le stazioni meteorologiche di AQ Caput Frigoris fecero registrare un secco -37.4°C che dal giorno dell’inizio delle rilevazioni è il valore più freddo mai registrato in queste località.

E’ vero anche che non vi è certezza di quelle che furono le temperature del gennaio 1985, quando si dice che la medesima località raggiunse i -45°C.

OVINDOLI, TERRANERA, ROCCA DI MEZZO, ROVERE E ROCCA DI CAMBIO, PAESAGGI IMMERSI NELLA NATURA E NEL PARCO REGIONALE DEL SIRENTE VELINO

I suddetti borghi sono immersi nella natura più verde del Parco Regionale del Sirente Velino, una tra le località più protette dell’intera regione e dove vi è la possibilità di incontrare animali di ogni genere e tipo.

E’ segnalata infatti la presenza del Camoscio Appenninico, dove a pochi passi del Borgo di Rovere vi è un’area dedicata all’osservazione dei camosci, il Lupo Appenninico, i cervi, l’orso bruno marsicano e tanto altro.

COME RAGGIUNGERE QUESTE LOCALITA’ ?

Sono luoghi facili da raggiungere a poco più di 160 km di distanza da Roma. Le strade da percorrere sono essenzialmente due e sempre passando per l’Autostrada dei Parchi.

Si può scegliere di percorrere l’A24, per poi uscire a Tornimparte e percorrere il traforo della galleria che conduce a Rocca di Cambio, oppure l’A25 se si vuole raggiungere Ovindoli e uscire o a Celano o Magliano dei Marsi a seconda delle preferenze.

In questi borghi nei mesi estivi e in quelli invernali si possono trovare ed effettuare differenti tipi di attività.

In estate in tantissimi raggiungono l’altopiano per andare a cavallo su le lunghissime distese del Parco.

Ci sono inoltre tantissime feste e sagre che ogni anno si svolgono all’interno di questi cinque borghi, che vi invitiamo assolutamente a visitare.

 

Comments (No)

Leave a Reply