Federica Brignone una campionessa impegnata nella lotta al cambiamento climatico

Federica Brignone è una campionessa di Sci alpino ed è la prima Italiana nella storia ad essere riuscita a vincere la sfera di Cristallo generale nel 2020.

Tra i suoi successi si conta anche un argento mondiale e un bronzo olimpico.

Una campionessa dentro e fuori dalle piste di sci, infatti Federica dal 2017 ha cominciato un progetto di salvaguardia ambientale finalizzato, appunto, alla salvaguardia dell’ambiente.

Il progetto nato in collaborazione tra la Campionessa Azzurra ed un fotografo Professionista, Giuseppe La Spada, uno degli artisti visuali più interessanti e originali nel panorama internazionale che da alcuni anni porta avanti un percorso di ricerca artistica sul tema dell’acqua.

“Come tutti i grandi campioni, Federica ha sentito il dovere ed il piacere di mettere il suo tempo e la sua immagine a disposizione di una causa così importante.” precisa Giulia Mancini.

È un progetto sociale di responsabilità ambientale che ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti dell’inquinamento marino, sottolineando la sostenibilità e il valore dell’acqua come risorsa limitata e non infinita, per suscitare una nuova consapevolezza, un invito al cambiamento di mentalità.

L’idea è nata dall’incontro – promosso dalla manager Giulia Mancini – la sintonia e l’allineamento di pensiero con il fotografo Giuseppe La Spada, uno degli artisti visuali più interessanti e originali nel panorama internazionale che da alcuni anni porta avanti un percorso di ricerca artistica sul tema dell’acqua.

È un progetto sociale di responsabilità ambientale che ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti dell’inquinamento marino, sottolineando la sostenibilità e il valore dell’acqua come risorsa limitata e non infinita, per suscitare una nuova consapevolezza, un invito al cambiamento di mentalità.
L’idea è nata dall’incontro – promosso dalla manager Giulia Mancini – la sintonia e l’allineamento di pensiero con il fotografo Giuseppe La Spada, uno degli artisti visuali più interessanti e originali nel panorama internazionale che da alcuni anni porta avanti un percorso di ricerca artistica sul tema dell’acqua.

Traiettorie Liquide Federica Brignone

Traiettorie Liquide Federica Brignone

L’Azzurra nelle precedenti “traiettorie” si è immersa nelle acque Siciliane di Lipari con casco, sci e tuta della nazionale, circondata dalla plastica, per dimostrare un senso di claustrofobia che mostra l’ecosistema marino ogni volta che viene a contatto con materiali di plastica.

Federica ha inoltre organizzato una staffetta simbolica, lo scorso anno, sul Lago di Garda, dove aiutata da alcuni subacquei ha ripulito i fondali del lago consegnando i materiali di plastica a dei bimbi che la attendevano sulla barca.

Traiettorie Liquide però non prevede soltanto delle tappe nei nostri fondali, ma si occupa anche di sensibilizzare e di portare avanti la lotta anche sui nostri ghiacciai.

Brignone la scorsa estate ha portato avanti una raccolta rifiuti sulle piste di Bormio 2000, subito dopo la chiusura delle poste di sci, raccogliendo i rifiuti  insieme ai ragazzi degli Sci club del Bormiese e a Sciare per la Vita.

L’ultima tappa di Traiettorie Liquide portata avanti dall’Azzurra è stata sul Ghiacciaio dello Stelvio, negli ultimi anno in pesante regressione anche a causa dell’inquinamento da plastica, come ha recentemente dimostrato una ricerca dell’Università Milano Bicocca.

I Cambiamenti climatici negli ultimi anni si stanno manifestando in tanti modi, sia con l’innalzamento delle temperature globali, che con l’aumento delle fenomenologie estreme che purtroppo stanno generando molti disagi nel mondo.