Etna, trovato cadavere di un uomo in una grotta e l’ipotesi del giornalista scomparso

Gli uomini del Soccorso Alpino e Speleologico, della Guardia di Finanza di Nicolosi, hanno rinvenuto il corpo di un uomo alle pendici dell’Etna in una grotta.

Il corpo è stato ritrovato grazie all’aiuto di un cane che ha cominciato ad abbaiare molto insistentemente. Il decesso dell’uomo sembra essere avvenuto diversi decenni fa.

Etna

Etna, trovato il cadavere di un uomo in una grotta

Alla notizia immediatamente si è riacceso il giallo del Giornalista scomparso circa 50 anni fa, Mauro De Mauro, una storia mai risolta; con il corpo dell’uomo che non fu mai più ritrovato.

Gli investigatori sono ora all’opera per dare effettivamente un nome e un volto a questo corpo rinvenuto in fondo ad una grotta, verosimilmente tra gli anni 70 e 90. L’identikit parla di una persona alta circa 170 centimetri, di 50 anni di età, con delle malformazioni congenite alla bocca e al naso.

I resti del cadavere sono stati ritrovati con dei lunghi pantaloni neri, una camicia a righe, un leggero maglione di lana e una cravatta colore nero, una mantellina di nylon colore verde scuro e degli scarponcini Pivetta taglia 41.

La trasmissione “Chi L’ha visto” ha immediatamente riacceso e accostato il ritrovamento al giornalista scomparso decenni fa, che fu vittima di un commando mafioso di Palermo. Per molti anni i pentiti di mafia avevano dato delle indicazioni riguardo il giornalista Mauro, che però non hanno mai avuto riscontri.

In questo caso è emerso anche un dettaglio particolare, che potrebbe in partenza escludere l’associazione dell’uomo al corpo e sono le monete ritrovate insieme al cadavere che non sono associabili all’epoca in cui il giornalista è scomparso.

La cosa certa è che l’uomo all’epoca non deve essere arrivato in quella grotta da solo, in quanto il vestiario con cui è stato ritrovato risulta completamente inadeguato alla causa di una semplice escursione. Da specificare inoltre che non vi è mai stata una denuncia di scomparsa segnalata alle forze dell’ordine.

De Mauro era un cronista de l’Ora e della sua scomparsa non si ebbero mai notizie, nonostante Carabinieri e Polizia investigarono per anni battendo soprattuto la pista riguardo al fatto che il giornalista avesse notizie esclusive riguardo la morte del Presidente dell’Eni, Enrico Mattei.