News

L’Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche (AIGAE) è l’unica associazione di categoria Nazionale che accompagna le persone in Natura per professione, illustrando loro quelle che sono le caratteristiche ambientali e culturali dell’area che viene visitata. Bisogna anche sottolineare che si tratta GAEdell’’unica Associazione di Categoria delle Guide Ambientali Escursionistiche riconosciuta dal Ministero dello Sviluppo Economico, in rappresentanza della professione ai sensi della L.4/2013. A fare riferimento all’AIGAE sono anche e soprattutto le Guide Ambientali Escursionistiche che si occupano in particolar modo di Ecoturismo; ma l’associazione è soprattutto una rappresentanza forte presso tutti gli interlocutori istituzionali; da quelli statali a quelli provinciali, passando per quelli regionali, le riserve, i parchi e le aree protette.

Abbiamo menzionato le Guide Ambientali Escursionistiche perchè è molto importante approcciarsi ai territori di montagna (ma non solo, come a breve vedremo) in compagnia di una guida esperta e competente che sappia e conosca bene il territorio che si vuole visitare. La GAE (useremo questa abbreviazione) è una figura altamente professionale che accompagna, per mestiere, negli ambienti naturali lungo i complessi itinerari escursionistici di cui bisogna conoscere ogni cosa, ogni minimo segreto. Luoghi, peraltro, ove sono richieste tecniche ed attrezzature alpinistiche per la progressione. Vengono effettuati dei corsi specifici affinché venga rilasciata la qualifica professionale di Guida Ambientale Escursionistica, corsi peraltro realizzati a cura di enti di formazione altamente certificati. LA GAE non solo garantisce una preparazione tecnica eccellente e di notevole spessore per quel che riguarda la conduzione di TM Hochpustertal Drei Zinnen Wanderngruppi in sede escursionistica, ma devono anche e soprattutto possedere un bagaglio culturale e naturalistico sul territorio in cui accompagnano, nonché la capacità di trasmettere, con tutta la semplicità del caso, curiosità ed interesse negli accompagnati.

Come tutte le professioni di montagna, naturalmente, si tratta di un mestiere difficile ed impegnativo; bisogna infatti tenersi aggiornati in maniera costante, curare meticolosamente la propria preparazione fisica e dotarsi di materiali e vestiario di ottimo livello che vanno mantenuti e sostituiti in maniera costante. Prima di ogni escursione vanno provati gli itinerari e, cosa più importante, vanno monitorate le condizioni meteorologiche del luogo. L’escursionismo, dunque, è uno dei punti di forza delle Guide Ambientali Escursionistiche, rappresenta infatti senza dubbio il cuore dell’attività professionale. Proprio per questa ragione viene curato in maniera attenta quello che è lo sviluppo delle capacità di condurre un gruppo su ogni terreno e ad ogni quota, con esclusione delle difficoltà a carattere 7946_20140429164531alpinistico. Ricordiamo infatti che la Guida Ambientale Escursionistica non si muove solo in montagna, ma è solita frequentare anche le zone costiere, la scogliera, i deserti e le foreste, e lo fa in tutte le stagioni, usando, in inverno, per la progressione escursionistica su terreno innevato strumenti come le famosissime ciaspole da neve. L’accompagnamento escursionistico, vista anche la natura lenta dello spostamento e la possibilità di sostare in qualsiasi momento, si sposa in maniera perfetta con una delle più importanti attività delle Guide: la didattica ambientale. Nessun’altra modalità di locomozione, infatti, consente di osservare e comprendere un territorio e le sue valenze naturalistiche, artistiche, storiche, al pari dell’escursionismo.

Per saperne di più e per chi volesse intraprendere questa meravigliosa professione, vi rimandiamo al sito ufficiale dell’AIGAE.

Related Posts