News

Dispersi Velino: tè bollente, pasti caldi, pizza, caffè. Sono soltanto una parte di ciò che il sindaco di Massa D’Albe, Nazzareno Lucci, i volontari della GVM Protezione Civile e la Pro Loco locale offrono quotidianamente ai soccorritori impegnati nelle ricerche dei quattro sfortunati escursionisti.

Volevo ringraziare la popolazione locale, la Proloco, i volontari della Gvm Protezione Civile e gli amministratori locali che in questi giorni ci stanno dando un’ospitalità indescrivibile. Non c’è un momento in cui non venga offerto un pasto caldo, un tè, un cornetto, un pezzo di pizza. Viveri e gentilezza qui al campo base di Forme non mancano mai. Quando si soffre il freddo per una giornata passata all’aperto, tristi per non aver raggiunto ancora un risultato, il calore di un pasto caldo ma soprattutto il calore umano ti scalda davvero il cuore“. Sono le parole che uno dei soccorritori presenti sul posto ha voluto postare sul proprio profilo Facebook.

Accanto alla macchina dei soccorsi, partita e mai fermatasi dalla giornata di domenica 24 gennaio, corre di pari passo anche un’altra macchina, quella della solidarietà.

Donazioni che arrivano anche dal Gruppo Alpini di San Pelino, Gruppo Caritas di San Pelino e un gruppo di amici, sempre di San Pelino, frazione di Avezzano. Donati fino ad ora caffè caldi, cibo, bevande e pizza agli uomini e alle donne del soccorso. Una macchina per lo più umana instancabile, di fronte all’emergenza di questi giorni.

Non sono stati trascurati neanche i cani da valanga impegnati nelle ricerche: ieri, ad esempio, è stato consegnato anche del cibo in scatola per i cani delle Unità Cinofile. Anche la Giunta Regionale ha ulteriormente rimpinguato di centomila euro il fondo già assegnato alla Protezione civile regionale per favorire le operazioni di ricerca e soccorso.

Anche la deputata abruzzese Stefania Pezzopane ha voluto esprimere tutta la propria solidarietà: “Tutta la popolazione abruzzese è in attesa, preoccupata ma fiduciosa nel lavoro dei soccorritori, nonostante la neve si sia cementificata e abbia cancellato le tracce. Un lavoro immane, in alcuni punti la neve è profonda oltre 9 metri e si sta cercando con le sonde in profondità e con mezzi meccanici. Siamo tutti vicini alle famiglie in questa dura attesa e condividiamo le loro preoccupazioni. Voglio ringraziare tutti coloro che si stanno adoperando per risolvere questa situazione e tutto il popolo abruzzese che in questi momenti di grande concitazione si unisce alle famiglie”.

Related Posts