News
Colby Stevenson, dall'incidente quasi fatale all'argento olimpico

Colby Stevenson è un ragazzo di appena 24 anni, sciatore americano di Freestyle, che alle spalle ha una storia che merita di essere raccontata, appena sei anni fa ha rischiato di morire e ieri ha vinto l’argento olimpico.

COLBY STEVENSON, UN INCIDENTE QUASI FATALE

Colby Stevenson nel 2016 ebbe un gravissimo incidente causato da un colpo di sonno improvviso, che lo mandò fuori strada e direttamente in ospedale in codice rosso e in pericolo di vita.

La conseguenza fu che il ragazzo si pensava non potesse mai più tornare alla normalità quotidiana, vista la prognosi che i dottori avevano emanato.

Il ragazzo allora meno che ventenne aveva riportato almeno trenta fratture sul cranio, costole incrinate e addirittura fratture diffuse delle vertebre.

Questo responso lasciò i medici irremovibili sul fatto che il giovane non sarebbe mai più potuto tornare a condurre una vita normale, soprattutto non avrebbe più avuto alcuna possibilità di rimettere gli sci ai piedi dopo questo violento trauma.

DOPO SEI MESI TORNA SUGLI SCI

Fuori pericolo di vita comincia la riabilitazione, nonostante i medici continuassero a dire che non ci sarebbero stati margini per poter tornare ad affrontare una carriera agonistica.

Tuttavia Colby non mollò mai, neanche quando dopo gli allenamenti circa due anni si infortunò alla spalla che non gli consentì di partecipare alle Olimpiadi del 2018 a Pyeongchang.

Nessuno in realtà avrebbe mai potuto immaginare che il ragazzo, dopo un infortunio simile, potesse solamente immaginare di tornare a gareggiare e competitivo.

Pechino 2022, la medaglia d’argento

Stevenson invece non demorde e continua ad allenarsi duramente tanto che viene convocato per le Olimpiadi invernali 2022 di Pechino, partecipa e vince la medaglia d’argento.

Un vero e proprio capolavoro che lo mette alle spalle del norvegese Ruud e davanti allo svedese Herling Harlaut.

Incredulo il ragazzo ha commentato la vittoria dicendo che gli sembra di essere uscito dalla scena di un film, dicendo di non pensare più all’incidente che fa parte del passato ma allo stesso tempo sostenendo che se sopravvissuto a quei tipi di traumi nessun tipo di caduta potrà mai più spaventarlo.

L’insegnamento più importante che ha imparato nel dolore e nella lotta alla sopravvivenza, che con il duro lavoro l’ha poi portato alla medaglia olimpica è stato – a detta del ragazzo – imparare ad uscire dalla comfort zone.

Ricordiamo che l’americano specialista di Freestyle ha accumulato nel corso della sua carriera, ben tre vittorie in coppa del mondo e una delle quali proprio in Italia nel 2017.

Le ultime due invece nel 2021 prima delle Olimpiadi di Pechino negli Stati Uniti d’America e in Svizzera.

Il Palmares del giovane ventiquattrenne vanta oltre ad una medaglia di argento olimpica anche una medaglia di argento mondiale vinta nel 2021 in slopestyle ad Aspen.

Questa è una di quelle storie che insegna come con il duro lavoro, anche se i fattori in alcuni casi risultano inizialmente totalmente avversi, è possibile raggiungere i propri sogni.

Quella di Colby Stevenson è a tutti gli effetti una bella storia, una di quelle da raccontare e da prendere come riferimento. Una storia che rientra in tutto e per tutto nello spirito delle Olimpiadi.

Related Posts