News
Un cervone riesce ad avere la meglio sul biancone

Cervone contro biancone

Un cervone vince la battaglia contro un biancone. La sensazionale foto-notizia è stata riportata stamane sull’Eco dell’Alto Molise.

Un cervone riesce ad avere la meglio sul biancone

Una pattuglia dei Carabinieri forestali di Forli del Sannio impegnata in un servizio di perlustrazione del territorio dell’Alto Molise si è imbattuta in una scena inusuale che potrebbe entrare a giusto titolo in una rassegna dal titolo ‘Wild Alto Molise’.

Perché in natura spesso vengono sovvertite le regole immutabili e capita anche che la preda uccida il predatore.

Le immagini spettacolari, per gentile concessione dei Carabinieri Forestali, scattate in località Falascoso ad oltre mille metri di altitudine, mostrano un cervone, nome scientifico Elaphe quatuorlineata, che si è difeso efficacemente dall’attacco di un rapace, molto probabilmente un biancone, nome scientifico Circaetus gallicus, detto anche e non a caso ‘aquila delle serpi’.

Solitamente è il rapace che attacca e uccide il serpente, per poi cibarsene; mentre ieri i ruoli si sono invertiti e la preda ha ucciso il predatore soffocandola in una stretta attorno al collo che è risultata mortale.

Cervone e biancone, i protagonisti

Il Cervone è possibile avvistarlo in tutta Europa e in Asia; nel nostro Paese è maggiormente presente nelle zone centro-meridionali.

Il suo habitat naturale lo si può trovare nella macchia mediterranea o ai margini dei boschi, zone aperte e soleggiate con vegetazione sparsa, sassaie, muretti e negli edifici abbandonati.

Il Cervone,  a causa della progressiva distruzione degli habitat naturali in cui vive, per mano dell’uomo, è ritenuto una specie a rischio, per cui inserito nella Convenzione di Berna, come esemplare protetto.

Il Cervone viene raffigurato durante la festa di San Domenico a Cocullo, dove decine di serpenti ricoprono la statua del santo, protettore dei morsi di serpente.

La cerimonia ormai fissata il primo maggio di ogni si ripete immutata da molti anni: durante la messa celebrata nella chiesa di Cocullo i fedeli fanno dei veri e propri rituali propiziatori dall’antico sapore pagano, ma convertiti e immersi nel sostrato religioso del culto di San Domenico, uno dei santi più famosi nel centro Italia, che con il suo pellegrinaggio ha toccato molti luoghi di queste zone.

Il Biancone (o aquila dei serpenti) è un grande rapace con apertura alare di quasi due metri. L’areale di distribuzione del biancone va dalla Spagna all’Europa Centrale e si estende fino all’Iran, all’India, alla Mongolia settentrionale e all’Africa.

Il biancone caccia planando lentamente a quote anche piuttosto alte, esplorando attentamente il terreno con la testa rivolta verso il basso e con frequenti soste in ‘spirito santo’.

La base della dieta è costituita da serpenti (anche vipere). In minor misura vengono cacciati anche uccelletti, lucertole, piccoli mammiferi, anfibi ed insetti.

Una volta ucciso, il serpente viene divorato subito al suolo o in volo. Durante il periodo riproduttivo, invece, molte prede vengono riportate al nido per sfamare il vorace piccolo.

Related Posts