Capriolo finisce nel fiume a Senigallia, salvato dai Vigili del fuoco

La scorsa mattina un capriolo, dopo aver tentato di risalire il corso del fiume Misa a Senigallia, è rimasto bloccato a causa degli argini troppo alti da scavalcare.

Capriolo

Il capriolo nel fiume Misa a Senigallia

Un evento piuttosto insolito che ha destato la preoccupazione e lo stupore dei pescatori che hanno segnalato la sua presenza alle autorità.

L’esemplare ha velocemente risalito tutto il corso del fiume, che si trova attualmente in condizioni di secca, avvicinandosi così sempre di più alla città sino ad arrivare al porto Della Rovere di Senigallia dove è rimasto bloccato a causa della presenza degli argini molto alti.

Impossibilitato a uscire, l’animale ha cercato una via di fuga rifugiandosi negli spazi frangiflutti dei moli dove è avvenuto il suo recupero. Sul posto sono infatti subito accorsi la Guardia costiera, la Polizia locale, il servizio veterinario dell’Asur e i Vigili del fuoco che sono riusciti a risalire tutto il corso del fiume grazie al nucleo sommozzatori e un gommone.

Recuperarlo non è stato però molto facile: sono stati tanti i tentativi del capriolo, evidentemente spaventato, di sfuggire alla cattura. Nonostante le tre ore di disavventura, il capriolo – una femmina adulta sui 30 kg – sta bene e, dopo le prime cure veterinarie, è stato rilasciato in campagna.

Capriolo

Il capriolo recuperato, dopo le prime cure, è stato rimesso in libertà in aperta campagna