News
Un cane da pastore dell'Asia centrale affronta l'orso senza alcuna paura

Cane da pastore senza paura

Un cane da pastore che non ha paura di un orso…ed anzi lo costringe mestamente ad indietreggiare, senza possibilità di replica.

Un cane da pastore dell'Asia centrale affronta l'orso senza alcuna paura

Potrebbe sembrare una scena girata in Abruzzo… protagonisti un pastore abruzzese ed un orso marsicano. In realtà il VIDEO è stato girato in Romania.

Protagonisti un orso bruno e un coraggiosissimo cane da pastore dell’Asia centrale il quale, con sprezzo del pericolo e rispettando le sue caratteristiche, mette in ‘fuga’ il plantigrado.

Il Cane da Pastore dell’Asia Centrale, detto anche Alabai, è un cane sicuro di sé, equilibrato, tranquillo, orgoglioso e indipendente.

È molto coraggioso e ha grande capacità lavorativa, resistenza e un istinto naturale del territorio. Caratteristica è la sua mancanza di paura nei confronti dei grandi predatori.

È una razza di grande taglia, dall’aspetto impressionante che ama molto la sua famiglia. Lo Standard di razza lo descrive così: “Il Cane da Pastore dell’Asia Centrale è di costruzione armoniosa e grande taglia, e moderata lunghezza (con un corpo né corto né lungo)”.

Cane da pastore dell’Asia centrale, forte e vigoroso

Cane da pastore dell’Asia centrale: robusto, corpo vigoroso, voluminoso, con muscoli visibili. Il dimorfismo sessuale è ben definito. I maschi sono più massicci delle femmine, con garrese più pronunciato e una testa più grande.

La piena maturità fisica è raggiunta all’età di 3 anni; quella psicologico/caratteriale già prima dell’anno. La lunghezza del corpo è solo leggermente superiore all’altezza al garrese.

Purtroppo non è ben definita la specificità della razza mescolando con il termine di pastore dell’Asia centrale, in realtà, una serie di tipologie canine simili per caratteristiche lavorativo/pastorali ma profondamente diverse tra loro.

Basti dire che la razza attuale ha individui che spaziano tra i Kg. 50 ad oltre kg.100 e dai cm. 50 sino ad oltre cm.90 al garrese. Ci sono cani pastore dell’AC che pur avendo comportamenti da cane da pastore, penalizzati del fatto che i maschi sono kg. 50-55, si muovono in gruppo (branco) come i lupi per difendere il gregge dai predatori.

Altri CPAC, che specificamente sono stati selezionati nella parte più a nord della Russia, che vivono buona parte della loro vita in solitaria con la mandria o gregge, e lo difendono direttamente attaccando i predatori (orso e lupo).

Questi assomigliano moltissimo ai parenti ‘Pastori del Caucaso’, differendo da quest’ultimi perché caratterialmente più stabili e meno ‘ombrosi’ e per la muscolatura più lunga e piatta, atta rendere più scattante e veloce il soggetto nella lotta.

Mentre per quanto riguarda la componente familiare entrambi i tipi sono simili amando e difendendo la famiglia oltre ogni limite, soprattutto i bambini.

Il cane da pastore dell’AC, in famiglia, è affidabile e affettuoso con tutti i membri del branco umano. Richiede comunque una grande attenzione che gli faccia sentire sempre forte e saldo il rapporto con il suo umano di riferimento.

Di importanza fondamentale è la socializzazione nel primo anno di vita con tutto ciò che sia la vita quotidiana (rumori, gente, animali) e soprattutto altri cani. Non si deve commettere l’errore di non farlo stare a contatto con questi ultimi.

Related Posts