Folla d’altri tempi a Campo Imperatore: strada chiusa

Complici le condizioni meteorologiche stabili e soleggiate, quest’oggi Campo Imperatore è stata presa letteralmente d’assalto da migliaia di escursionisti, tanto da impedire l’arrivo in quota in macchina. Strada chiusa, si sale solo ed esclusivamente in funivia: cinque euro ad automobile.
Campo Imperatore presa letteralmente d’assalto da migliaia di escursionisti, tanto da impedire l’arrivo in quota in macchina. Strada chiusa, si sale solo ed esclusivamente in funivia: cinque euro ad automobile. FOTO DI EMANUELE VALERI

Si calcola in svariate migliaia l’afflusso dei turisti sul versante aquilano della montagna. Ma è tutta la montagna abruzzese a essere stata presa di mira dai turisti, compresi gli eremi: presenze record anche al Lago di Scanno. Turisti non solo provenienti dal resto d’Italia, ma anche stranieri.
Campo Imperatore: escursionisti in coda per giungere al rifugio Duca degli Abruzzi. FOTO DI EMANUELE VALERI

A neve sciolta, invece, lo scenario assume connotazioni incantevoli grazie agli alti monti rocciosi del Parco Nazionale del Gran Sasso e la bassa vegetazione circostante. Numerosi sono i percorsi di trekking da poter fare in questo lembo di terra del centro Italia, tutti immersi in infinite praterie verdeggianti e perfettamente segnalati.

Ma Campo Imperatore affascina i suoi visitatori anche per la sua vastità, il silenzio e la genuina primordialità. Capanne di pietra, recinti per gli animali e chiese tratturali testimoniano la forte cultura pastorale della zona. Infatti, ancora oggi si possono incontrare greggi di pecore e bestiame vario a pascolare nella vallata.

La località è particolarmente apprezzata persino da chi ama fare turismo su due ruote, che sia in moto o in bicicletta, ma anche dagli appassionati di cavallo e, soprattutto, dagli amanti della fotografia. La vastissima piana rigogliosa, infatti, si presta perfettamente come soggetto ideale da immortalare indelebilmente, anche se le istantanee migliori sono sempre quelle che ritraggono i suoi 10 laghetti sparsi tra i monti. Specchi d’acqua limpida che tolgono il fiato e particolarmente fotogenici. Degni di nota sono i romantici e deliziosi laghetti Pietranzoni e Racollo.