News

E’ stato approvato nella giornata di giovedì 22 Giugno il nuovo ed innovativo progetto per quel che concerne la sostituzione della seggiovia Fontari, a Campo Imperatore. L’impianto esistente verrà quindi sostituito con una seggiovia ad “ammorsamento automatico” che verrà denominata “Campo Imperatore-Osservatorio”, che presenterà la novità particolarmente interessante (tra le tante) nell’avere veicoli a sei posti. I nuovi veicoli, grazie ad un sistema che permetterà lo sganciamento della fune all’ingresso in stazione, verranno convogliati su un circiuto separato per essere rallentati se non addirittura, eventualmente, fermati. Grazie a questo meccanismo (che verrà poi ulteriormente perfezionato) sarà possibile facilitare la salita e la discesa dei viaggiatori.

progetto Fontari
Campo Imperatore: approvato il progetto per la nuova seggiovia Fontari. Fonte Centro Turistico Gran Sasso

Altra novità relativa al nuovo impianto è sicuramente rappresentata dalla presenza di nuove stazioni di valle e di monte, che tuttavia saranno chiuse onde evitare il congelamento delle strutture durante la stagione invernale, quando le temperature scenderanno abbondantemente al di sotto lo zero. Ricordiamo che nel progetto iniziale, presentato 3 anni fa (2014), era prevista la sostituzione dell’attuale seggiovia con un’altra ad ammorsamento automatico con seggiole aperte, con tanto di spostamento del tracciato verso nord (di circa 180 metri) e un suo, ulteriore allungamento fino a 1600 metri (dai 960 metri di partenza). Il Centro Turistico Gran Sasso ha tuttavia presentato il nuovo progetto dopo che il CCR-VIA (valutazione impatto ambientale) richiese la localizzazione dell’impianto in sovrapposizione al tracciato dell’impianto pre-esistente.

progetto Fontari 1
Campo Imperatore: approvato il progetto per la nuova seggiovia Fontari. Fonte Centro Turistico Gran Sasso

L’edificio tecnico situato nella stazione di monte conterrà quella è che la cabina di comando, quella di trasformazione, il locale armadi elettrici, il power center, un piccolo locale per il deposito di materiali e un servizio igienico per il personale tecnico. Saranno altresì presi importanti accorgimenti per evitare che in caso di bufere la neve possa entrare all’interno dell’edificio, mentre nella stazione di valle verranno immagazzinate le seggiole con un sistema particolare; minimizzare i volumi costruiti grazie alla sosta dei veicoli stessi lungo i meccanismi di stazione, che resteranno chiusi all’interno dell’edificio stesso. Insomma, con questo nuovo ed intrigante progetto si potrà davvero tornare a sperare.

Related Posts