Meteomont: pericolo valanghe marcato in alcuni settori

Bollettino MeteoMont valido per la giornata di DOMENICA 7 FEBBRAIO 2021

APPENNINO EMILIANO-ROMAGNOLO
-GRADO DI PERICOLO: DA DEBOLE 1 A MODERATO 2.
-TIPO DI PERICOLO: VALANGHE DI SLITTAMENTO – IL MANTO NEVOSO DIVENTA RAPIDAMENTE BAGNATO E FONDE NEGLI
-STRATI PIU’ BASSI NEVE BAGNATA – SITUAZIONE PRIMAVERILE. IL MANTO NEVOSO SI UMIDIFICA VELOCEMENTE NEL CORSO DELLA GIORNATA

Bollettino MeteoMont

Bollettino MeteoMont

VALANGHE OSSERVATE
Alcune valanghe di media dimensione spontanee a lastroni di fondo di neve umida bagnata

MANTO NEVOSO
Croste da fusione e rigelo e da vento non portanti su strati intermedi moderatamente consolidati. Il manto nevoso è in generale moderatamente consolidato su molti pendii. L’irraggiamento determinato dalle schiarite notturne ha determinato la formazione di una sottile crosta da rigelo non portante, nonostante le temperature minime non siano generalmente scese sotto lo zero. Ciò potrebbe determinare un temporaneo consolidamento del manto nevoso, anche se già nel corso della giornata odierna la fusione del manto nevoso riprenderà velocemente anche alle quote più alte. Non sono da escludere quindi distacchi spontanei con scivolamento di fondo, in particolare sui pendi più ripidi ed erbosi, determinati dalla lubrificazione del manto nevoso causata dall’acqua in percolazione. Le previsioni meteo indicano l’arrivo di una perturbazione dai quadranti sud-occidentali che potrebbe dare luogo anche a fenomeni temporaleschi in particolare sul sotto-settore occidentale, con piogge moderate sul resto della Regione. Le precipitazioni inizialmente di carattere piovoso anche alle quote alte, potrebbero divenire nevose per via di un successivo abbassamento dello zero termico. Associati a tali fenomeni, si verificheranno forti venti che colpiranno la zona di crinale, che nel sotto-settore orientale potranno avere intensità di burrasca. Pertanto in funzione di tali fenomeni il grado di pericolo sarà più elevato nella giornata di domenica a causa degli apporti di pioggia, la possibilità di accumuli di neve fresca in quota in collegamento ai forti venti previsti. Si raccomanda pertanto particolare attenzione nell’attraversamento di pendii ripidi e di evitare uscite in caso di condizioni meteo avverse che potrebbero determinare anche un aumento localizzato ma deciso del grado pericolo.

ALPI APUANE – APPENNINO TOSCANO
-GRADO DI PERICOLO: DA DEBOLE 1 A MARCATO 3.
-TIPO DI PERICOLO: NEVE BAGNATA – SITUAZIONE PRIMAVERILE. IL MANTO NEVOSO SI UMIDIFICA VELOCEMENTE
-NEL CORSO DELLA GIORNATA NEVE BAGNATA – PIOGGIA SUL MANTO NEVOSO. APPESANTIMENTO E PERDITA DI RESISTENZA

Bollettino MeteoMont

Bollettino MeteoMont

VALANGHE OSSERVATE
Alcune valanghe di media dimensione spontanee di neve umida bagnata a debole coesione di fondo

MANTO NEVOSO
Strati di neve bagnata a debole coesione ed in isotermia fino al suolo. Il manto nevoso è in generale moderatamente consolidato sulla maggioranza dei pendii ed in costante consunzione in virtù delle temperature superiori alla media stagionale con zero termico ancora attestato a quote non inferiori ai 3000 metri. Copertura nevosa ormai esigua sul Sotto Settore Appennino Toscano Meridionale e presente soltanto alle alte quote nel Sotto Settore Monte Amiata. Permangono quantitativi considerevoli nell’Appennino Toscano Settentrionale, laddove sono state registrate numerose valanghe di fondo di neve bagnata a debole coesione, di piccole e medie dimensioni. La percolazione di acqua sino agli strati basali, unitamente alle previste precipitazioni piovose anche alle alte quote, potrà generare ulteriori scaricamenti di fondo. Saranno quindi da evitare i canaloni e le tipiche zone di accumulo durante le uscite in ambiente.

APPENNINO UMBRO-MARCHIGIANO
-GRADO DI PERICOLO: DA DEBOLE 1 A MODERATO 2. PERICOLO IN AUMENTO PER RIALZO TERMICO.
-TIPO DI PERICOLO: NEVE BAGNATA – SITUAZIONE PRIMAVERILE. IL MANTO NEVOSO SI UMIDIFICA VELOCEMENTE NEL CORSO DELLA GIORNATA VALANGHE DI SLITTAMENTO
-IL MANTO NEVOSO DIVENTA RAPIDAMENTE BAGNATO E FONDE NEGLI STRATI PIU’ BASSI

Bollettino MeteoMont

Bollettino MeteoMont

MANTO NEVOSO
Sottili croste da fusione e rigelo non portanti su strati intermedi moderatamente consolidati. Il manto nevoso è in generale moderatamente consolidato. Le condizioni metereologiche in atto, con temperature primaverili continuano a ridurre gli spessori a terra, specie nei versanti dove è maggiore l’irraggiamento solare. Sui pendii ripidi ed estremamente ripidi, specie se caratterizzati da fondo erboso a stelo lungo, in prossimità di rocce e repentini cambi di pendenza, saranno possibili valanghe spontanee di neve umida bagnata per lo più di piccole e medie dimensioni. La pioggia prevista a tutte le quote per la giornata di Domenica, favorirà un aumento dell’instabilità per maggiore percolazione di acqua libera fino agli strati basali. Il distacco provocato è in generale possibile con forte sovraccarico.

APPENNINO CENTRALE
-GRADO DI PERICOLO: DA DEBOLE 1 A MARCATO 3. PERICOLO IN AUMENTO PER RIALZO TERMICO.
-TIPO DI PERICOLO: VALANGHE DI SLITTAMENTO
-IL MANTO NEVOSO DIVENTA RAPIDAMENTE BAGNATO E FONDE NEGLI STRATI PIU’ BASSI NEVE BAGNATA – SITUAZIONE PRIMAVERILE. IL MANTO NEVOSO SI UMIDIFICA VELOCEMENTE NEL CORSO DELLA GIORNATA

Bollettino MeteoMont

Bollettino MeteoMont

MANTO NEVOSO
Croste da fusione e rigelo portanti e non portanti su strati intermedi moderatamente consolidati. Il manto nevoso è in generale moderatamente consolidato su molti pendii ripidi. Lo zero termico ancora superiore ai 3.000 m. determina fin dal mattino l’indebolimento delle croste superficiali di un manto nevoso generalmente umidificato soprattutto in corrispondenza degli strati basali. Evitare quindi i pendii più ripidi e le aree in prossimità delle crepe di slittamento (bocche di balena), valutare le zone di scorrimento delle valanghe che potranno raggiungere anche terreni pianeggianti.