News
Boa

Enpa Genova:
“Altro boa abbandonato a Lumarzo, sempre recuperato da Gian Lorenzo Termanini che ringraziamo anche per la foto. Anche lui sarà sottoposto a approfonditi check veterinari date le condizioni precarie del primo rinvenuto. Si trova ora presso la clinica della dottoressa Iannacone, specializzata in fauna esotica.
Ormai si tratta di abbandono seriale dato che i serpenti di origine sudamericana sono stati rinvenuti nello stesso luogo. Nessuno dei due è chippato e non risultano sparizioni tra i boa registrati in zona. Inutile dire che, per un animale del genere, essere libero nell’ambiente italiano comporta quasi sicuramente la morte oltre che la compromissione della biodiversità locale.
Siamo sempre alla ricerca del proprietario, scriveteci se avete informazioni utili”.

Boa
Il boa abbandonato e ritrovato a Lumarzo. Foto di Gian Lorenzo Termanini

In Italia è proibito allevare e tenere in casa serpenti velenosi. 
Sono invece consentite altre specie come boa o pitoni appartenenti alla famiglia dei boidi, non velenosi, ma comunque molto pericolosi perchè costrittori.

Non è facile avere un serpente in casa e bisogna essere consapevoli del fatto che non abbiamo a che fare con un comune animale domestico. Un boa, per esempio, può superare i 20 kg di peso e i tre metri di lunghezza diventando molto pericoloso per l’uomo. 

Sarebbe buona norma non lasciare mai liberi per casa i serpenti e non tentare di addomesticarli. I rettili devono vivere nell’ambiente del loro terrario e vanno trattati con una certa attenzione. Mai, per esempio, offrire loro del cibo direttamente dalla mano e mai lasciarli avvicinare ad altri animali domestici come cani, gatti o uccelli. 
Capita purtroppo sempre più spesso che chi possiede questo genere di animali arrivi al punto di non sapere più come gestirli, tanto di decidere di abbandonarli. 

C’è chi responsabilmente li affida a centri specializzati e chi li abbandona nei boschi mettendo a rischio l’animale, ma anche malcapitati passanti. 
Prima di decidere di tenere un serpente in casa, bisogna informarsi bene e capire a cosa si va incontro.

Boa
Il boa abbandonato è ricoverato presso la clinica della dottoressa Iannacone, specializzata in fauna esotica. Foto di Gian Lorenzo Termanini

Related Posts