Chiude allevamento etico Latteamore

Si chiude l’esperienza dell’allevamento etico’ LatteAmore. Con 500 animali ‘in condizioni di estrema necessità’ da salvare.

Latteamore

Il progetto Latteamore è fallito. Ora ci sono 500 animali da salvare

Il protrarsi di tali problematiche ha inevitabilmente fatto maturare la decisione, che già aleggiava nell’aria da tempo come i nostri followers ben sanno, di abbandonare ufficialmente il progetto Latteamore / Oasi Leonardo.
L’allevamento etico non è infatti sostenibile, a meno di avere fondi inesauribili per coprirne gli enormi costi.
E’ quindi necessario un cambio di rotta tale da portare definitivamente alla chiusura dell’azienda e a una nuova vita per i suoi animali.
Quanto accaduto ha convinto sempre di più i responsabili del ruolo fondamentale del progetto di vita portato avanti dai santuari, che viene abbracciato senza compromessi, tant’è che gli animali verranno comunque salvaguardati, meritando essi di restare liberi di vivere!
In questi ultimi mesi, a causa delle nostre difficoltà, essi sono stati e sono accuditi da alcuni volontari.
Le problematiche a cui è stato fatto poco sopra cenno non consentono però il procedersi oltre dato che – al momento – scarseggiano i fondi per mettere in salvo tutti gli animali
“.

La responsabile dei volontari ha perciò chiesto aiuto a molti tra enti ed istituzioni, ma solo la Rete dei Santuari di Animali Liberi ha generosamente accettato di aiutare gli animali e trovare per loro nuove case sicure.

Latteamore

Fallimento Latteamore: E’ una corsa contro il tempo per salvare quasi 500 vite. Si tratta di un’operazione senza precedenti. Per questo abbiamo bisogno di tutti voi. Ogni posticino libero sarà una vita salvata

Altri, chiamati prima di noi, hanno rinunciato. Non nascondiamo che pure noi avremmo voluto girarci dall’altra parte, in questa circostanza.
O scappare lontano.
Ma non l’abbiamo fatto.
Dopo lo sconforto iniziale, abbiamo trovato la forza e la determinazione necessarie per imbarcarci in un così folle programma di svuotamento.
Prima che venissero prese altre misure drastiche o attuati interventi diversi da istituzioni e magistratura.
Già le prime pecore e capre sono partite per le nuove case.
Dove vivranno libere per sempre.
Senza dover produrre alcunché.
CERCHIAMO: rifugi, privati, fattorie, oasi, disponibili ad accogliere capre, pecore, maiali, mucche e tori.
Serve codice stalla.
E’ una corsa contro il tempo.
Per salvare quasi 500 vite.
Si tratta di un’operazione senza precedenti.
Per questo abbiamo bisogno di tutti voi.
Ogni posticino libero sarà una vita salvata
“.