1 milione di utenti nella stagione invernale sulla Sierra Nevada, 30% non sciatori. 149 giorni totali di apertura

1 milioni di utenti sulla Sierra Nevada in questa ormai terminata stagione invernale. L’affluenza per queste aree è stata la maggiore di sempre, considerando anche che la stagione è risultata piuttosto particolare.

1 MILIONE DI UTENTI SULLA SIERRA NEVADA, IL 30% DEI PRESENTI NON SCIATORI. AFFLUENZA DA RECORD GRAZIE AI GRANDISSIMI INVESTIMENTI

La Sierra Nevada, per chi non la conoscesse, è una tra le stazioni sciistiche più meridionali d’Europa. Si trova in Spagna nella regione dell’Andalusia. In questa stagione nonostante le condizioni meteorologiche piuttosto complesse, sono stati registrati dei veri e propri record di presenze.

In particolare tutta l’Europa specie nella prima parte stagionale ha dovuto fare i conti con delle ripetute ondate di caldo, eccezionali, che hanno messo in grandissima difficoltà tutte le stazioni sciistiche europee. Ricorderete senza dubbio l’assenza di neve diffusa. Tuttavia sulla Sierra Nevada, grazie a corposi investimenti, e all’innevamento programmato di ultimissima generazione, si è consentito agli appassionati della neve di potersi recare sugli sci o in pista anche con temperature borderline per poter produrre neve tecnica.

La seconda parte della stagione ha visto invece delle importantissime nevicate, quelle che hanno consentito di poterla prolungare almeno fino al 28 di aprile. I giorni di chiusura per maltempo sono stati 14. Il risultato sono stati bel 149 giorni di apertura stagionali.

Il dato più eclatante però è quello che deriva dalle presenze, tanto che in 149 giorni sono state ben 1.100.945. La presenza dei non sciatori è stata davvero molto elevata, tanto che si contano 310.129 unità dato che rappresenta il 30% dell’utenza.

STRATEGIA DI DIVERSIFICAZIONE DALLA SOCIETA’ CHE GESTISCE GLI IMPIANTI

un risultato così eclatante è stato possibile raggiungerlo grazie al grandissimo lavoro che ormai dal lontano 1964 svolge la società Cetursa Sierra Nevada. nel 1985 grazie ad una maggioranza societaria nelle mani della Comunità Autonoma di Andalusia. è stata avviata una una stagione di rilancio.

grandi investimenti che hanno permesso di ospitare Campionati di Sci Alpino, Snowboard e molto altro. Una serie di investimenti su numerose cabinovie ha inoltre consentito e incentivato lo sviluppo della frequentazione pedonale. Su tutti in particolare è stato l’ultimo investimento fatto nel 2023, la cabinovia Al Andalus che ha migliorato l’accessibilità a Borreguiles, località dove sono presenti numerosi locali di intrattenimento con musica e molto altro. Un’altra zona molto apprezzata da chi non pratica lo sci è la nuovissima pista di pattinaggio del Mirlo Blanco.

Naturalmente tutte queste nuove infrastrutture sono state incentivate da una ricca organizzazione di eventi, come ad esempio la Coppa del Mondo di Snowboard e Cross ma anche da numerosi eventi sportivi e musicali.

TECNOLOGIA IBRIDA, INVESTIMENTI E RISPARMIO DI ENERGIA ELETTRICA

L’attività sciistica, come specificato inizialmente, è notevolmente importante grazie agli elevatissimi investimenti degli ultimi anni. Non solamente innevamento programmato di ultimissima generazione, ma anche dei battipista con tecnologia ibrida. Rispetto all’ultimo sistema di innevamento programmato presente, l’attuale presenta una capacità di circa il 40% in meno di potenza. A parità di neve prodotta il consumo dell’energia è ridotto del 30%.

1 milione di utenti sulla Sierra Nevada, il sistema di sviluppo della stazione forse dovrebbe essere preso in considerazione anche da quelle italiane.

Comments (No)

Leave a Reply