Rifugio Sebastiani, 15 persone vestite inadeguatamente bloccate dal ghiaccio

Rifugio Sebastiani, ancora una volta il Soccorso Alpino e la Guardia di Finanza sono stati costretti ad intervenire per via di escursionisti dotati di abbigliamento inadeguato.

RIFUGIO SEBASTIANI, SONO 15 GLI ESCURSIONISTI SALVATI DAL SOCCORSO ALPINO RIMASTI INTRAPPOLATI TRA GHIACCIO E NEVE A CAUSA DI UN ABBIGLIAMENTO INADEGUATO

E’ capitato in più occasione, specialmente negli ultimi anni, di assistere a persone o addirittura a gruppi recarsi in alta montagna con vestiario inadeguato.

Il fatto che in questo periodo l’inverno non si sta mostrando nel suo volto più crudo, non giustifica certamente che le persone debbano prestare poca attenzione quando si recano in alta quota.

Nei nostri post nei giorni scorsi, abbiamo più volte specificato come nonostante la neve sia assente in alta montagna è necessario recarsi accompagnati di ramponi e di tutto il vestiario utile.

Ricordiamo che la poca neve presente al suolo non è sinonimo di assenza di ghiaccio, tanto che spesso sono proprio queste situazioni a risultare particolarmente pericolose.

Ed è proprio quello che è accaduto ad un gruppo di escursionisti, costretti ad interpellare il Soccorso Alpino e Speleologico per tentare di tornare a valle.

La comitiva aveva passato la notte al Rifugio, ma non essendo in grado di percorrere il ritorno a valle in maniera autonoma ha richiesto l’intervento dei soccorritori.

Il CNSAS e la SAGF si sono recati sul posto, prestando assistenza agli improvvisati escursionisti e conducendoli in sicurezza a valle.

Rifugio Sebastiani, escursionisti bloccati dal ghiaccio e dalla neve

Rifugio Sebastiani, escursionisti bloccati dal ghiaccio e dalla neve a causa di un abbigliamento inadeguato. Ecco la nota del Soccorso Alpino e Speleologico

Visti i fatti di questi giorni anche il Presidente del Soccorso Alpino e Speleologico, ha sottolineato l’importanza della pianificazione delle escursioni in ambienti invernali specificando come sia importante anche la consultazione delle previsioni meteorologiche.

IL COMUNICATO DEL CNSAS 

Intervento di recupero di 15 escursionisti bloccati al Rifugio Sebastiani.
Nella mattinata di oggi i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Abruzzo, insieme al soccorso alpino della Guardia di Finanza, sono stati impegnati nel recupero di una comitiva di 15 persone che aveva trascorso la notte al Rifugio Sebastiani, in provincia de L’Aquila. Gli escursionisti, a causa dell’equipaggiamento inadeguato al fondo innevato e ghiacciato, non essendo in grado di percorrere il sentiero di ritorno in autonomia, sono stati costretti a chiamare i soccorsi. Sono stati quindi raggiunti dagli uomini del CNSAS e dal SAGF, che hanno provveduto ad assicurare tutti con corde e a fornire ramponi e ramponcini per procedere in sicurezza.
Il Soccorso Alpino e Speleologico Abruzzo, nella persona del Presidente Daniele Perilli, a seguito dei due recenti interventi di recupero di escursionisti non adeguatamente attrezzati, per fortuna tuttiillesi, rammenta l’importanza di una corretta pianificazione delle escursioni in ambiente invernale e soprattutto di equipaggiarsi adeguatamente onde evitare di trovarsi inutilmente in situazioni di pericolo.
Fortunatamente l’intera comitiva è risultata illesa, ma episodi del genere possono mettere in serio pericolo non solamente le persone in difficoltà ma anche gli stessi soccorritori.
Al Rifugio Sebastiani, oltre agli uomini del Soccorso Alpino e Speleologico sono intervenuti anche quelli della Guardia di Finanza.

Comments (No)

Leave a Reply