Animali di Montagna
Cervi in amore, gli scatti di Pietro Santucci

I cervi in amore. Gli straordinari scatti fotografici di Pietro Santucci.

CERVI IN AMORE, SPETTACOLARI SCATTI FOTOGRAFICI DEL FOTOGRAFO NATURALISTA PIETRO SANTUCCI

L’Abruzzo e l’Appennino solo soliti regalarci meravigliosi spettacoli naturalisti, e tutti gli anni in questo periodo dell’anno arriva quello dei cervi in amore. Straordinarie battaglie si verificano tra gli esemplari maschi per la conquista dell’harem. La legge del più forte, quella che contribuirà poi alla nascita di piccoli esemplari che nei mesi primaverili della stagione regaleranno un ulteriore spettacolo.

Accade tutto tra la metà del mese di settembre e solitamente e i primi venti giorni del mese di ottobre, quando si consuma la stagione degli amori per i Cervi che è possibile udire, anche dalle aree di pianura adiacenti ai boschi delle montagne, grazie alla potenza delle loro urla definite bramiti.

I cervi maschi che solitamente vivono in gruppetti definiti mono-sessuali e nel periodo dell’amore si separano sfidandosi a suo di bramiti e lottando per conquistare la femmina tentando di screditare l’avversario. Un po’ come avviene nella vita di tutti i giorni in tutto il mondo degli animali, sebbene con dinamiche un pochettino differenti.

Tuttavia lo scontro non sempre termina con un esito positivo, quindi con la semplice sconfitta dell’avversario. Può capitare in determinate circostanze che uno dei due contendenti possa rimetterci pagando caro il prezzo del combattimento con la vita. Non solo il combattimento, perchè lo stress di questo periodo di amore può portare il cervo a morire di infarto. Purtroppo capita molto spesso.

Cervi in amore, gli scatti di Pietro Santucci
In questo scatto è possibile ammirare un branco di cervi, dove in primo piano è raffigurato il maschio intento in un suo momento del bramito. La foto è stata scattata da Pietro Santucci nei confini del Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise
Cervi in amore, gli scatti di Pietro Santucci
Il Cervo in un momento in cui sta esercitando il suo bramito, mentre sta tentando di conquistare la femmina. Foto di Pietro Santucci

In media un cervo maschio ha attorno a se un numero variabile tra 5 e 15 femmine, che custodisce in maniera morbosa anche intraprendendo duri scontri con altri cervi maschi; solo quando il bramito dei due si equivale, allora inizia lo scontro fisico a colpi di palchi (le cosiddette “corna” del cervo). Bisogna però specificare che lo scontro, il più delle volte, non si consuma e i rivali concludono la sfida a suon di urla. Trascorsi questi lunghi e movimentati giorni, i maschi tendono nuovamente a raggrupparsi e a riprendere una vita normale. La gravidanza della femmina dura il media 260 giorni e il piccolo cerbiatto, una volta in vita, resta nascosto tra i cespugli per almeno una paio di settimane circa.

Queste straordinarie documentazioni fotografiche riescono a farci capire quanto poco fa specificato, e rendono ancora più bello il paesaggio autunnale già molto affascinate di suo per il cambio del colore degli alberi che verosimilmente si preparano all’arrivo della stagione fredda, ossia dell’inverno.

I cervi in amore è possibile osservarli un po’ in tutti i Parchi Nazionali e Regionali delle nostre montagne appenniniche mantenendosi a debita distanza e senza disturbarli.

Related Posts