Previsioni

Il tempo sta per cambiare, forti temporali in arrivo oggi al Nord

Nel corso della giornata odierna forti temporali raggiungeranno le regioni settentrionali. Arriva la perturbazione che rovinerà il Ferragosto italiano.

Siamo all’antivigilia del Ferragosto e questa mattinata di lunedì, calma, mite e soleggiata possiamo definirla se non altro come “la quiete prima della tempesta”. Poco ad ovest delle regioni nord-occidentali, in territorio francese, sono infatti ben visibili vasti ammassi temporaleschi collegati alla perturbazione atlantica che nei prossimi giorni attaverserà il nostro Paese, distribuendo piogge, rovesci e temporali molto intensi su gran parte del territorio. Già in tarda mattinata/primo pomeriggio i primi acquazzoni, associati a frequenti colpi di tuono, si affacceranno tra la Valle d’Aosta e il Piemonte, estendendosi rapidamente entro la serata a tutta la Lombardia e al settore orientale della Liguria.

Osservando l’immagine satellitare a vasto raggio, incentrata dunque ad uno sguardo complessivo di tutta l’Europa, si può immediatamente notare come il sistema perturbato si presenti non solo estremamente organizzato, ma altresì accompagnato da aria fresca o molto fresca in discesa dalle latitudini più settentrionali. Sarà proprio quest’aria fresca, nei giorni a venire, a scatenare l’intensa ondata di maltempo che investirà la Penisola italiana, per via del marcato rimescolamento che scalzerà l’elevata umidità preesistente (umidità che fornirà carburante per i sistemi temporaleschi…).

E dunque: in giornata peggiora intensamente tra Valle D’Aosta, Piemonte e taluni settori della Liguria di Levante, con le precipitazioni che rapidamente si estenderanno (sottoforma di rovesci anche intensi) a gran parte della Lombardia e momentaneamente anche all’Emilia occidentale. Nel corso delle ore serali tempo in brusco peggioramento anche su parte del Nord Est, dapprima sul Triveneto, poi via via anche sulle rimamenti regioni; in ognuna di queste aree, alle piogge sarà associata una generale rinfrescata.

Scendendo a sud, sul resto dell’Italia, situazione complessivamente tranquilla; qualche velatura attraverserà i cieli delle estreme regioni meridionali, mentre al pomeriggio nubi a sviluppo verticale incomberanno minacciose sui principali comprensori montuosi. Ma in linea di massima non ci aspettiamo precipitazioni degne di nota, se non qualche improvviso scroscio di pioggia o acquazzone tra Basilicata, entroterra pugliese e zone più interne della Sicilia. In nottata temporali forti in arrivo sull’alta Toscana, preludio al ben più intenso peggioramento che si compirà nelle ore successive, grossomodo nel corso della mattinata di martedì.

Capitolo temperature: proseguirà a far caldo su gran parte dell’Italia, seppur all’estremo Nord Ovest i termometri inizieranno progressivamente ad abbassarsi. Massime per lo più comprese tra 30/34°C ovunque, con punte fino a 36/37°C nell’entroterra sardo e nel Foggiano.