Medio-lungo terminePrevisioni

Nuova fase di maltempo e freddo ad inizio settimana, ancora neve sull’Appennino

Ad inizio settimana l'Italia sarà attraversata da una forte perturbazione accompagnata da aria fredda. Torna la neve sull'Appennino anche a bassa quota.

Le estreme regioni meridionali sono attualmente alle prese col passaggio di un profondo vortice depressionario che dal nord-est dell’Africa sta risalendo tutto il versante ionico della nostra Penisola, portando forti piogge su Calabria, Puglia e Sicilia orientale e abbondanti nevicate lungo la dorsale appenninica meridionale, ove in quota si stanno registrando accumuli davvero molto consistenti. In queste zone le precipitazioni insisteranno anche nelle prossime ore, per indebolirsi progressivamente tra stanotte e la mattinata di domani, domenica 11 Febbraio.

Intanto per l’inizio della prossima settimana sembra si stia delineando con sempre maggior chiarezza quella che sarà l’evoluzione sinottica che riguarderà il nostro Paese, alle prese con l’ingresso di un nucleo d’aria fredda di origine polare marittima. Nella mattinata di lunedì il fronte freddo si addosserà alla barriera alpina, esaltando la formazione di un vasto minimo depressionario sulle regioni centro-settentrionali. Minimo che nelle ore successive richiamerà parte dell’aria fredda presente oltr’alpe e che irromperà sulla nostra Penisola inizialmente dalla porta della Bora e poi, nelle 24 ore successive, anche dalla Valle del Rodano. Tale dinamica innescherà una fase di forte maltempo invernale su tutta l’Italia!

12 febb

Lunedì maltempo al Nord Est e regioni del versante tirrenico, con piogge diffuse e frequenti rovesci. Quota neve sull’Appennino settentrionale inizialmente piuttosto alta, ma in brusco calo entro il pomeriggio per l’ingresso dell’aria fredda. Pensate, già dal pomeriggio potrebbe nevicare nelle zone collinari tra Toscana ed Emilia occidentale, nella notte anche sull’Appennino romagnolo. Al Centro piogge e locali temporali tra Toscana, Lazio e Umbria, con quota neve sui rilievi ben al di sopra dei 1000-1100 metri.

Maestrale in rinforzo sulla Sardegna.

13 febb

Martedì il vortice di bassa pressione scivolerà verso sud-est, posizionandosi probabilmente sul medio versante Adriatico. Ancora maltempo su gran parte del Centro Nord, Campania, Calabria e Sicilia, con neve sull’Appennino centrale fino a quote medio-basse, bassissime tra Emilia, Romagna e nord delle Marche. Neve anche nelle zone interne della Sardegna fino in collina, a quote inizialmente altre sui rilievi del Sud, in calo brusco entro la serata. Per i dettagli circa la quota neve ci riserviamo di aspettare ancora qualche ora, perché i modelli non hanno ancora ben individuato l’esatta posizione del vortice ciclonico.