Medio-lungo terminePrevisioni

Neve in arrivo anche sull’Appennino centrale, fino a quote medie

Il fronte d’aria fredda responsabile del peggioramento che in queste ore sta coinvolgendo le regioni centro-settentrionali tenderà a scivolare, nel corso della giornata, verso sud. Mentre al Nord, di conseguenza, il tempo volgerà verso un progressivo miglioramento, sul resto della Penisola è atteso un gradiale aumento di nubi e precipitazioni, peraltro già in atto da qualche ora soprattutto nelle Marche, sul settore tosco-emiliano, in Toscana e in taluni settori dell’alto Lazio.

Il calo delle temperature, conseguente all’ingresso delle correnti fredde da nord, determinerà un repentino calo della quota neve in gran parte della dorsale appenninica centrale; già in queste ore sta nevicando a tratti moderatamente sui rilievi marchigiani, a partire dai 700 metri di quota.

Con il passare delle ore il limite della quota neve tenderà leggermente ad alzarsi, non scendendo al di sotto dei 900-1000 metri. A partire dal tardo pomeriggio i fiocchi faranno la propria comparsa anche sull’Appennino abruzzese, sconfinando sporadicamente fin verso il settore dei Monti Simbruini per quel che concerne l’Appennino laziale. In tutta questa zona il limite della quota neve non scenderà sotto i 1300-1400 metri di quota.