PrevisioniPrevisioni week end

Meteo: ‘speciale neve’ tra Natale e Santo Stefano

Una perturbazione, seguita da aria artico-marittima, porterà piogge, temporali, venti forti e neve fino a bassa quota

Siamo non solo alla vigilia del Santo Natale, ma anche alla vigilia di un significativo cambiamento delle condizioni meteorologiche che riporterà la neve dell’Italia.

Difatti, la fase di tempo stabile e di clima gradevole sta per giungere al termine. Ci attende una fase prettamente invernale grazie all’arrivo di una perturbazione di origine nordatlantica. Perturbazione seguita da aria artico-marittima la quale, tra Natale e Santo Stefano, determinerà un brusco calo delle temperature.

L’irruzione di aria fredda nel Mediterraneo favorirà, inoltre, una ciclogenesi sul Tirreno che porterà su gran parte della Penisola piogge, temporali, venti forti e poi anche la neve fino a quote basse, soprattutto sull’Appennino settentrionale. Nevicate anche sull’Appennino centrale e su quello meridionale, anche se a quote più alte.

Ma veniamo al dettaglio previsionale, almeno per ciò che concerne la quota neve:

APPENNINO SETTENTRIONALE

Cumulate di neve in 24h
Cumulate di neve in 24h a Santo Stefano

APPENNINO CENTRALE

Cumulate di neve in 24h
Cumulate di neve in 24h
Cumulate di neve in 24h
Cumulate di neve in 24h

APPENNINO MERIDIONALE

Cumulate di neve in 24h
Cumulate di neve in 24h

Dopo la parentesi invernale, tra le giornate del 27 ed il 28 dicembre avremo una tregua che risulterà piuttosto effimera. Dall’Atlantico, infatti, una vasta saccatura ricolma di aria fredda si distenderà fin verso l’Europa sudoccidentale e piloterà un’intensa perturbazione anche verso l’Italia. Con ogni probabilità tornerà la neve al nord (anche in pianura), mentre il Centro-Sud verrà ‘investito’ da impetuose correnti sudoccidentali di Libeccio e Garbino. Ne riparleremo.

Tendenza post NATALIZIA

Angelo Ruggieri-Meteorologo AMPRO