Meteo Italia: in arrivo nuova ondata di caldo

Nel corso dei prossimi giorni l'onda mobile nord africana si estenderà nuovamente in direzione della nostra Penisola. Ci aspetta una settimana di gran caldo.

Il progressivo indebolimento delle correnti settentrionali, già a partire dalla giornata odierna, sancirà la fine di questa benevole rinfrescata. Purtroppo in alcune zone non sono mancati i disagi causati dalle forti piogge, mentre di contro, in molte altre, prosegue la lunghissima siccità che si protrae ormai da diverse settimane, se non da mesi. E da questo punto di vista non giungono buone notizie, perché nel corso dei prossimi giorni dovremmo fronteggiare l’arrivo di una nuova ondata di caldo nord-africano, a causa dell’espansione verso nord dell’onda mobile sub-tropicale. Ciò significa almeno altri 8-10 giorni di tempo stabile e soleggiato, caldo che si andrà progressivamente intensificando e assenza di piogge significative in gran parte del territorio, probabilmente ad eccezione del settore alpino e prealpino, che osserverà qualche locale temporale in più. Per il resto bisognerà attendere con molte probabilità l’ultima settimana di Luglio, perché qualcosa potrebbe muoversi. Ma ne parleremo.

GRADEVOLE FRESCURA DESTINATA A TERMINARE – I benevoli effetti di questa breve rinfrescata si faranno sentire anche nella giornata di oggi, seppur le temperature inizieranno gradualmente a (ri)aumentare su gran parte dello Stivale. Stamane, addirittura, alcune località dell’Appennino centrale hanno fatto registrare valori inferiori allo zero, ma in linea di massima quasi ovunque siamo ben al di sotto della media stagionale. I venti da nord, intanto, si stanno indebolendo ed oggi qualche raffica un pò più sostenuta insisterà solo ed esclusivamente all’estremo Meridione. Per il resto pochissime le novità; continuerà a splendere il sole su tutta l’Italia, un pò di nubi pomeridiane faranno la propria comparsa solo sui monti dell’estremo Meridione, ma di significativo ci sarà ben poco da segnalare, per ora…

PROSSIMI GIORNI NUOVA ONDATA DI CALDO – Per ora, appunto. Perché i prossimi giorni vedranno la nuova, progressiva accentuazione del caldo africano su tutto il nostro Paese. La causa, ovviamente, sarà da attribuire all’onda mobile sub-tropicale nord-africana, pronta ad estendersi nuovamente verso il Mediterraneo centrale. In una prima fase, comunque, la calura si presenterà complessivamente contenuta (anche se non mancheranno punte fino a +36/+38°C specie al Centro Sud), poi gradualmente a partire da giovedì e venerdì i termometri inizieranno a salire in maniera ulteriore, tanto che sulle regioni centro-meridionali torneranno di moda i famigerati +40°C. Un pò meno caldo, invece, per quel che riguarda le estreme regioni settentrionali che anzi, potrebbero addirittura far fronte a qualche locale temporale in più, specie sull’area alpina e prealpina. Questa nuova ondata di caldo insisterà per almeno una settimana, ma probabilmente anche più, andando ulteriormente ad aggravare una situazione precipitativa che peggiora, oramai, ogni giorno di più.

analisi 1

NEL MEDIO-LUNGO TERMINE SI INTRAVEDE QUALCHE CAMBIAMENTO – Preferiremmo fermarci al medio termine perché l’affidabilità previsionale, seppur al limite, risulta piuttosto elevata in presenza di un’ondata di caldo. Tuttavia in molti si chiederanno quando giungerà un nuovo cambiamento, in virtù del fatto che il prossimo periodo caldo-afoso si protrarrà per almeno una decina di giorni. Ebbene, l’ultima settimana di Luglio (o quanto meno gli ultimi giorni del mese) potrebbero proporre una tregua alla calura per l’arrivo di aria un pò più fresca di origine atlantica. I modelli stanno da giorni battendo questa pista, ma sappiamo bene che si tratta di una situazione ancora molto difficile da inquadrare nei dettagli. Non sembrano tuttavia (ad ora) esserci gli elementi per una vera e propria svolta, ma un ritorno a temperature normali per il periodo quello si, sembra possa davvero verificarsi. Staremo a vedere, ne riparleremo nel prossimo appuntamento.

Condividi Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Whatsapp

Commenti