Medio-lungo terminePrevisioni

Meteo Italia: aria più fresca in arrivo tra fine mese e primi giorni di Maggio

Meteo Italia: deciso cambio della circolazione tra fine Aprile e primi giorni di Maggio, aria più fresca riporterà i temporali e un crollo termico ovunque.

L’anticiclone europeo, che da giorni insiste su gran parte del vecchio Continente, sta oramai mollando la presa sotto la costante spinta delle fresche e piovose correnti oceaniche. La struttura già da qualche giorno sta mostrando chiari segnali di cedimento, testimoniati dalla maggior presenza di nubi basse e da qualche addensamento cumuliforme in più a ridosso dei principali comprensori montuosi. Nel corso del fine settimana un’ampia saccatura colma di aria fresca si farà strada verso sud in direzione dell’Europa occidentale, andando a generare un vasto vortice di bassa pressione che abbraccerà tutti i Paesi sud-occidentali del vecchio Continente. Altro non sarà che il preludio ad un più imponente cambiamento sinottico su tutto il territorio europeo, Italia compresa, ove gli effetti inizieranno ad avvertirsi soprattutto tra fine mese e primi giorni di Maggio.

30 aprile
Crollo termico previsto per il 30 Aprile. Fonte Meteogiornale.it

Dall’immagine soprastante, riferita alla giornata di lunedì 30 Aprile, possiamo osservare come le temperature tendano ad abbassarsi di alcuni gradi su gran parte della nostra Penisola, ad eccezione della Sicilia meridionale e del settore jonico di Puglia, Calabria e Basilicata. I cali più marcati riguarderanno soprattutto quelle zone ove in questi giorni le temperature si sono mantenute di svariati gradi al di sopra della media, vale a dire la Sardegna, il settore alpino e prealpino e le zone interne del Centro Nord (in alcuni casi si potranno perdere anche 6-7°C rispetto ai valori attuali). Questa rinfrescata sarà altresì accompagnata da un forte peggioramento del tempo soprattutto sulle regioni settentrionali (qui con piogge e temporali anche molto forti) e in forma minore anche sulla Sardegna. Altrove, a parte un pò di innocua variabilità, non ci aspettiamo significative variazioni, a parte il calo termico succitato, un rinforzo della ventilazione dai quadranti occidentali e qualche temporale diffuso qua e là sui rilievi dell’estremo Meridione.

Si arriverà così al mese di Maggio che, con molte probabilità, vedrà un cambiamento generale della configurazione sinottica dovuto all’approfondimento di una vasta circolazione depressionaria sull’Europa meridionale e il Mediterraneo. In questa fase l’anticiclone dovrebbe ritirare le sue propagini stabilizzanti verso ovest, in pieno Atlantico, permettendo l’intrusione di svariati sistemi depressionari verso il cuore dell’Europa. Per questo, tra il 1° e il 5 Maggio ci attendiamo almeno due-tre perturbazioni in rotta verso l’Italia, con piogge intense, temporali, qualche grandinata e un più significativo abbassamento delle temperature, come ci conferma anche la mappa allegata in basso riferita all’entità del crollo termico previsto per la giornata di martedì 1 Maggio. Si noti come al Centro Nord e sulla Sardegna si possano in alcuni perdere anche fino a 8-10°C. Calo meno marcato, almeno inizialmente, all’estremo Sud e in Sicilia ove anzi, se possibile, si potranno addirittura guadagnare 2-3°C in più.

1 maggio
Crollo termico previsto per martedì 1 Maggio. Fonte Meteogiornale.it