Medio-lungo terminePrevisioni

Maltempo in arrivo: forti piogge domani su tutta Italia, neve ad alta quota

Un'intensa perturbazione è pronta ad attraversare la nostra Penisola; forti piogge e temporali tra giovedì e venerdì, ma con neve solo a quote alte.

Mentre tutte le attenzioni sono rivolte alla nuova ondata di aria gelida che nei prossimi giorni invaderà parte dell’Europa, ci accingiamo ad entrare in un altro periodo estremamente movimentato caratterizzato dall’arrivo di svariate perturbazioni dal vicino Atlantico. Si riaprirà dunque la porta delle umide correnti oceaniche e si inizierà già dalla giornata di domani, quando un’intensa perturbazione attraverserà il nostro Paese, portando piogge intense, qualche temporale e nuove nevicate sui rilievi, ma solo a quote alte.

giovedì sera
Precipitazioni attese per la serata di giovedì. Fonte Lamma Toscana

Le prime precipitazioni interesseranno, in mattinata, le estreme regioni nord-occidentali ma si estenderanno rapidamente a tutto il Settentrione e al versante occidentale peninsulare, entro il pomeriggio. In serata ritroveremo il maltempo su praticamente l’intero Stivale, eccezion fatta per le coste del medio-basso Adriatico, la Calabria e la Sicilia. Attenzione ai fenomeni previsti in alcune aree, perché potranno risultare davvero intensi e accompagnati da fenomeni anche temporaleschi. Parliamo della Liguria di Levante, dell’alta Toscana, del Triveneto e successivamente anche di tutto il versante tirrenico, dalla Toscana fin giù alla Campania, ove i fenomeni giungeranno intensi entro la mattinata di venerdì.

giovedì notte
Precipitazioni attese per la notte tra giovedì e venerdì. Fonte Lamma Toscana

Per quel che riguarda l’aspetto relativo alle temperature segnaliamo un aumento dei valori al Centro Sud per l’arrivo di correnti miti dal nord Africa, che anticiperanno l’arrivo del sistema perturbato. Soffieranno, inoltre, forti venti dai quadranti occidentali o sud-occidentali, specie sui settori di ponente. In conclusione un accenno anche alle nevicate, che cadranno su tutta la dorsale appenninica ma solo a quote alte, generalmente al di sopra dei 2000-2100 metri, un pò più in basso solo sull’Appennino settentrionale.